Zaporižžja

città dell'Ucraina
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando lo stato cosacco, vedi Sič di Zaporižžja.

Zaporižžja (in ucraino: Запоріжжя?, AFI: [zɑpoˈriʒʲːɐ]; in russo: Запоро́жье?, traslitterato: Zaporož'e, AFI: [zəpɐˈroʐɪ̯ə]), talvolta in italiano anche Zaporiggia[1], è una città dell'Ucraina sud-orientale, capoluogo dell'omonima oblast' e dell'omonimo distretto.

Zaporižžja
comune
(UK) Запоріжжя
(RU) Запоро́жье
Zaporižžja – Stemma
Zaporižžja – Bandiera
Zaporižžja – Veduta
Zaporižžja – Veduta
Localizzazione
StatoUcraina Ucraina
Oblast'Flag of Zaporizhia Oblast.svg Zaporižžja
DistrettoZaporižžja
Territorio
Coordinate47°50′00″N 35°10′00″E / 47.833333°N 35.166667°E47.833333; 35.166667 (Zaporižžja)
Altitudine86 m s.l.m.
Superficie358 km²
Abitanti731 922 (2020)
Densità2 044,47 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale69000
Prefisso+380 61
Fuso orarioUTC+2
Codice KOATUU2310100000
TargaAP
Nome abitantizaporoghi, zaporoghiani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Ucraina
Zaporižžja
Zaporižžja
Sito istituzionale

È la sesta città dell'Ucraina per popolazione, con 815 256 abitanti al censimento del 2001[2], ed è particolarmente nota come centro industriale automobilistico, chimico, elettrotecnico, metallurgico e siderurgico[3], snodo portuale e ferroviario nonché sede di numerosi impianti per la produzione di energia elettrica tra cui la centrale nucleare a Enerhodar (la più grande d'Europa e tra le prime dieci al mondo)[4], quella termoelettrica e la centrale idroelettrica del Dnepr.

Geografia fisicaModifica

 
Panorama con fiume Dnepr
 
Dnepr

La città è situata nella parte sud-orientale dell'Ucraina ai confini settentrionali della relativa oblast'. È attraversata dal fiume Dnepr che la divide in due porzioni tra le quali si frappone l'isola Chortycja.

ClimaModifica

Zaporižžja
(1991-2020)
Fonte:[5]
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) −0,31,27,516,122,626,629,329,022,714,76,51,30,715,428,314,614,8
T. mediaC) −3,1−2,23,010,516,720,923,222,616,79,73,1−1,3−2,210,122,29,810,0
T. min. mediaC) −5,8−5,3−0,95,010,915,217,116,411,35,50,2−3,8−5,05,016,25,75,5
T. max. assolutaC) 12,2
(1971)
17,1
(2016)
24,0
(2014)
31,4
(2012)
35,9
(2007)
36,5
(2009)
39,5
(2016)
40,2
(2010)
36,2
(2020)
35,0
(1999)
20,9
(2010)
16,0
(1981)
17,135,940,236,240,2
T. min. assolutaC) −29,3
(2006)
−26,1
(1967)
−25,0
(1964)
−8,2
(2004)
−2,0
(1999)
3,9
(1963)
8,2
(2006)
3,9
(1970)
−3,0
(1986)
−8,9
(1969)
−18,6
(1993)
−26,2
(1997)
−29,3−25,03,9−18,6−29,3
Nuvolosità (okta al giorno) 7,26,76,25,85,05,04,23,64,35,26,97,57,15,74,35,55,6
Precipitazioni (mm) 393237415161454438344053124129150112515
Giorni di pioggia 108111213131081011131129363134130
Nevicate (cm) 7840000000131840123
Giorni di neve 14149100000161341100758
Giorni di nebbia 0,20,01,02,01,01,02,02,02,01,01,00,10,34,05,04,013,3
Umidità relativa media (%) 87847866626562596676868886,368,7627673,3
Vento (direzione-m/s) NW
4,2
SE
4,5
SE
4,5
SE
4,2
SE
3,6
N
3,5
NE
3,4
NE
3,4
SE
3,7
SE
3,8
SE
4,0
SE
4,2
4,34,13,43,83,9

Origini del nomeModifica

Fino al 1921 la città fu nota col nome di Aleksandrovsk (in russo: Александровск?) o Oleksandrivs'k (in ucraino: Олекса́ндрівськ?), derivato da una vicina fortezza che faceva parte della linea difensiva del Dnepr.

Successivamente la città assunse il nome di Zaporož'e (in russo: Запоро́жье?), poi sostituito dall'ucraino Zaporižžja (in ucraino: Запоріжжя?) in seguito alla dichiarazione d'indipendenza dell'Ucraina dall'Unione Sovietica. Tale toponimo significa letteralmente "al di là delle rapide" con riferimento alla posizione geografica della città rispetto alle rapide del Dnepr, distrutte tra il 1927 e il 1932 con la realizzazione del bacino per la centrale idroelettrica.

StoriaModifica

I ritrovamenti più antichi sono stati effettuati sull'isola Chortycja e testimoniano la presenza di diversi insediamenti il cui più antico risale al VII secolo a.C. L'isola è stata abitata dagli Sciti e poi dai cosacchi[6] che proprio sull'isola stabilirono la sede del Sič di Zaporižžja.

Negli anni 1770 la zarina Caterina II dispose la fondazione di una fortezza, denominata Aleksandrovsaja krepost', per garantire il controllo imperiale sui cosacchi. L'insediamento ottenne il titolo di città nel 1806 e si espanse considerevolmente con l'apertura della ferrovia negli anni 1870, che la rese un importante hub fluviale e ferroviario per il trasporto merci.[2]

Subì molti danni con la Rivoluzione russa ma si risollevò con la costruzione della centrale idroelettrica tra il 1927 e il 1932, allora la seconda più grande al mondo.[2]

La città è nota perché nei suoi paraggi le truppe naziste durante la seconda guerra mondiale persero la loro ultima testa di ponte sul fiume Dnepr, alla fine del 1943. Questa sconfitta ebbe notevoli ripercussioni sull'intero fronte orientale: oltrepassato il fiume l'Armata Rossa ebbe la strada sgombra per la Romania.

OnorificenzeModifica

  Ordine di Lenin
— 1970

Infrastrutture e trasportiModifica

FerrovieModifica

La città è collegata ai principali centri nazionali e internazionali dalla sua stazione ferroviaria centrale.

PortiModifica

PontiModifica

Geografia antropicaModifica

Suddivisioni amministrativeModifica

 
Suddivisione dei distretti di Zaporižžja

La città è suddivisa in sette distretti amministrativi:[8]

  1. Distretto di Oleksandr
  2. Distretto di Zavod
  3. Distretto di Komunar
  4. Distretto del Dnepr
  5. Distretto di Voznesenky
  6. Distretto di Chortyč
  7. Distretto di Ševčenko

EconomiaModifica

È un centro industriale di rilievo; vi hanno sede un'importante centrale idroelettrica nonché industrie automobilistiche (ZAZ) e chimiche, in particolare del ferro, del carbone, del manganese e dell'alluminio. Inoltre, nei pressi della città vi è la più grande centrale nucleare d'Europa.

CulturaModifica

Il dipinto I cosacchi dello Zaporož'e scrivono una lettera al sultano di Turchia di Il'ja Repin del 1891.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Zaporižžja è gemellata con le città di:[9]

SportModifica

CalcioModifica

La squadra principale della città è il Metalurh Zaporižžja.

NoteModifica

  1. ^ GU Parte Seconda n.78 del 3-4-2001, su gazzettaufficiale.it, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. URL consultato il 19 marzo 2022.
  2. ^ a b c (EN) Zaporizhzhya, in Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc. URL consultato il 19 marzo 2022.
  3. ^ Zaporož'e, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 19 marzo 2022.
  4. ^ Zaporizhzhia, il fisico ucraino Litvinenko: “L’Aiea entri nella centrale nucleare. L’Europa rischia una catastrofe”, repubblica.it, 11 agosto 2022
  5. ^ (RU) Погода и климат
  6. ^ Zaporižžja, in Sapere.it, De Agostini. URL consultato il 19 marzo 2022.
  7. ^ (ES) Puente de arco de Zaporizhzhia - Zaporizhzhia Arch Bridge, su dir.md. URL consultato il 18 giugno 2022.
  8. ^ (UK) Райони міста, su zp.gov.ua. URL consultato il 19 marzo 2022.
  9. ^ (UK) Міста-побратими, su zp.gov.ua. URL consultato il 19 marzo 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316603361 · LCCN (ENn81062996 · GND (DE4288530-9 · BNF (FRcb15381882n (data) · J9U (ENHE987007564576005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n81062996
  Portale Ucraina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Ucraina