Zdenek Adalbert von Lobkowicz

Zdenek Adalbert von Lobkowicz
Zdeněk Vojtěch Popel z Lobkowicz.jpg
Zdenek Adalbert von Lobkowicz ritratto da Bartholomäus Spranger. Oggi questo dipinto fa parte della Collezione dei Principi a Palazzo Lobkowicz, Praga
Principe di Lobkowicz
Stemma
In carica 1623 –
1628
Predecessore Titolo creato
Successore Wenzel Eusebius
Nascita Praga, 15 agosto 1568
Morte Roudnice, 16 giugno 1628
Dinastia Lobkowicz
Padre Ladislav II Popel z Lobkovic
Madre Johana Berková z Dubé a Lipé
Consorte Polyxena von Pernstein
Religione Cattolicesimo

Zdenek Adalbert von Lobkowicz, in italiano Zdenek Adalberto di Lobkowicz, più propriamente Popel zu Lobkowicz (Praga, 15 agosto 1568Roudnice, 16 giugno 1628), fu cancelliere del Regno di Boemia dal 1599 al 1628 e primo principe di Lobkowicz dal 1623 al 1628.

BiografiaModifica

Membro della nobiltà boema, Zdenek Adalbert von Lobkowicz compì i propri primi studi presso i gesuiti e successivamente seguì delle lezioni all'Università di Praga, compiendo anche un grand tour in Europa.

Tornato in Boemia, nel 1591 entrò nel servizio diplomatico della corte di Praga. Quando l'imperatore Rodolfo II, sotto la spinta del papa, decise che dal 1599 tutti gli uffici di governo della Boemia dovessero essere amministrati da cattolici, tutti coloro che avevano goduto di un'educazione rigidamente cattolica vennero premiati e nello specifico Zdenek divenne gran cancelliere del Regno di Boemia in virtù della fedeltà dimostrata all'imperatore nell'opposizione alla riforma protestante che andava dilagando nei territori boemi all'epoca.

Quando l'imperatore Rodolfo II infine decise di concedere comunque la libertà religiosa ai boemi nel 1609 con una propria lettera, Zdenek si schierò con l'opposizione e si rifiutò di firmare il documento. Malgrado ciò, anche sotto l'imperatore successivo, Mattia, fu in grado di mantenere la propria posizione e nel 1617 fu tra i fautori dell'incoronazione di Ferdinando II a re di Boemia, incoronazione che aveva notevolmente diviso il paese. Sfuggì alla defenestrazione di Praga del 1618 perché all'epoca si trovava a Vienna per dei negoziati. Anche dopo la battaglia della Montagna Bianca rimase per lo più alla corte imperiale viennese.

Come cancelliere, si oppose alla pena capitale per quanti si erano rivoltati contro l'imperatore, preferendo per questi lunghe pene detentive, respingendo nel medesimo modo anche le confische di proprietà che la monarchia asburgica era intenzionata a perpetrare. Questo fatto, se gli fece guadagnare alcuni sostenitori in patria, diminuì notevolmente la sua influenza politica a Vienna e presso l'imperatore.

Ottenuta la decorazione del Toson d'oro, venne premiato col titolo di principe del Sacro Romano Impero, ma morì appena cinque anni dopo, nel 1628.

Matrimonio e figliModifica

 
Polyxena von Pernstein, moglie del principe di Lobkowicz

Nel 1603 Zdeněk sposò Polyxena von Pernstein, già vedova di Wilhelm von Rosenberg, dalla quale ebbe l'erede, Venceslao Eusebio di Lobkowicz. Donna molto ricca e pia, Polyxena fu per Zdenek una fedele compagna di vita e lo supportò largamente nello sviluppo della sua carriera politica. Nel contempo Zdenek Vojtech accettò sempre in silenzio e con gratitudine l'aiuto della moglie anche nella gestione delle proprietà di famiglia.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro

Albero genealogicoModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Johann I Popel von Lobkowicz, barone Popel von Lobkowicz Mikulas I Popel von Lobkowicz, barone Popel von Lobkowicz  
 
 
Ladislav I Popel von Lobkowicz, barone Popel von Lobkowicz  
Anna Sswihowsky z Risemberk Wilhelm von Schwihowsky  
 
Katharina von Wartenberg  
Ladislav II Popel von Lobkowicz, barone Popel von Lobkowicz  
Jiri Kragjrz z Kraigk, barone Kragjrz z Kraigk Wolfgang Kragjrz z Kraigk, barone Kragjrz z Kraigk  
 
Elisabeth Czernohorsky von Boskowicz  
Benigna Katharina Anna Kragjrz z Kraigk  
Apollonia von Puchheim Hartneid von Puchheim, signore di Puchheim  
 
orothea von Wildingsmauer  
Zdenek Adalbert von Lobkowicz, I principe di Lobkowicz  
Jindrich Berka z Dubé e Lipa Jiri Berka z Dubé e Lipa  
 
Markéta z Koldic  
Zdenek Berka z Dubé e Lipa  
Afra Malowecz von Cheynow Johann Malowecz von Paczow  
 
Afra Auliczky von Plessnicz  
Johana Berka z Dubé e Lipa  
 
 
 
Katharina von Haugwitz  
 
 
 
 

BibliografiaModifica

  • Karel Stloukal, Počátky kancléřování Zdeňka z Lobkovic, Praga, 1931.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN23313433 · ISNI (EN0000 0000 5546 5906 · GND (DE13290036X · CERL cnp01099492 · WorldCat Identities (ENviaf-23313433