Zelig (locale)

teatro di Milano

Lo Zelig è un famoso locale di Milano dedicato al cabaret. Nato nel 1986, è noto per aver lanciato numerosi comici italiani e per aver dato vita all'omonima trasmissione televisiva di successo.

Zelig
Ubicazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
LocalitàMilano
Indirizzoviale Monza, 140
Dati tecnici
Tipospettacolo e cabaret
Realizzazione
Proprietarioprivato

Lo Zelig viene inaugurato il 12 maggio 1986[1][2], un mese dopo la chiusura del Derby Club, storico locale milanese che lanciò numerosi artisti nel mondo dello spettacolo. Si trova fin dalle origini all'interno dei precedenti locali del Circolo cooperativo di Unità Proletaria[3] (già sede del Teatro Officina prima del trasferimento[4]), al civico 140 di viale Monza, a Milano. È gestito da una cooperativa guidata dall'autore Giancarlo Bozzo, coadiuvato nella direzione artistica da Luigi Vignali e Michele Mozzati, meglio noti come Gino e Michele[2][5], ed il regista Gabriele Salvatores[6], solo per il primo anno. Il nome del locale prende spunto dall'omonimo film del 1983 di Woody Allen.

Ad esibirsi originariamente sono un gruppo di comici che in seguito avranno notevole successo nel mondo dello spettacolo italiano e internazionale, alcuni dei quali frequentavano già il precedente Derby Club: Paolo Rossi, Claudio Bisio, Bebo Storti, Silvio Orlando, Gianni Palladino, Renato Sarti, Antonio Catania, Gigio Alberti, Lella Costa, Angela Finocchiaro e anche i musicisti Elio e le Storie Tese[2]. Diventato un punto di ritrovo per le serate di cabaret in città, lo Zelig lancia inoltre Antonio Albanese, Aldo Giovanni e Giacomo, Gioele Dix, Gene Gnocchi, Maurizio Milani, Dario Vergassola e i Fichi d’India [2].

Nel 1996, in occasione del decennale, lo Zelig, gestito intanto dalla società Bananas s.r.l guidata da Roberto Bosatra[5], stringe una collaborazione con l'emittente Italia 1 per mandare in onda una trasmissione televisiva trasmessa direttamente dal palco del locale. la trasmissione ha un cast formidabile, da Aldo, <giovanni e Giacomo, a Luciana Littizzetto, da Paolo Rossi a Claudio Bisio, etc e con la sigla cantata in presenza da Luciano Ligabue. la conduzione è affidata a Giancarlo Bozzo con il "disturbo" della Gialappa's Band. [7]Il cabaret dello Zelig debutta in televisione il 29 ottobre 1996 in seconda serata, con lo speciale Zelig, 10 anni di cabaret, che celebra il decennale dall'apertura del locale. Dopo questo speciale, dal 5 maggio 1997 parte la trasmissione vera e propria, con il titolo Zelig - Facciamo cabaret[8], condotto nella prima stagione da Claudio Bisio con la partecipazione di Antonella Elia. gli autori sono Giancarlo Bozzo e Marco Posani. Grazie al notevole successo vengono proposte numerose edizioni del programma, che nel corso del tempo cambiano titolo in Zelig, Zelig off e Zelig Circus. Le riprese hanno luogo nel locale di viale Monza fino al 2003; in seguito vengono spostate prima in una tensostruttura circense a Sesto San Giovanni e poi, dal 2006, al Teatro degli Arcimboldi di Milano.

Ancora oggi il locale, ora chiamato AREAZELIG , continua nella sua attività di Scouting e propone 5 serate alla settimana di spettacoli che esplorano il mondo del Comedy: dalla Standup all'arte circense. la direzione artistica è a cura di Giancarlo Bozzo, che sviluppa la sua ricerca di scouting attraverso serate non solo in Viale Monza 140 , ma in tutta Italia.

  1. ^ «Zelig» si fa musical e punta a provocare con la satira politica
  2. ^ a b c d Areazelig - Zelig Cabaret Archiviato il 19 ottobre 2010 in Internet Archive.
  3. ^ Circolo familiare di Unità Proletaria - Le nostre origini, su circolofamiliareunitaproletaria.it. URL consultato il 19 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  4. ^ Storia del Teatro Officina, su teatroofficina.it.
  5. ^ a b Teatro Zelig di Milano[collegamento interrotto]
  6. ^ Gialappa' s, Paolo Rossi, Elio: la rimpatriata del cabaret finira' in tv
  7. ^ Eden Design Italy, AREAZELIG - Il sito ufficiale di Zelig Cabaret, su www.areazelig.it. URL consultato l'11 luglio 2024.
  8. ^ Bisio in pedana scopre talenti, su archiviostorico.corriere.it.

Bibliografia

modifica
  • Viale Monza 140, Milano, Zelig, 1996, ISBN 9788886471459.[1]
  • Viale Monza 140. Storie, protagonisti, spettacoli di Zelig, il cabaret più famoso d'Italia, Milano, Zelig, 2002, ISBN 9788887291742.

Voci correlate

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  1. ^ Lo Zelig si racconta, su archiviostorico.corriere.it.