Zolletta di zucchero

zucchero modellato in foma di cubetti

La zolletta di zucchero, anche detta zolla, zuccherino o cubetto, è un pezzo di zucchero compatto di forma regolare, spesso usato per addolcire gli alimenti.[1]

Alcune zollette di zucchero

StoriaModifica

L'antenato della zolletta è il pan di zucchero, un cono di zucchero raffinato che veniva grattato o rotto tramite degli utensili.

La prima tecnica industriale per preparare le zollette di zucchero venne probabilmente brevettata nel 1843 da Jacob Christoph Rad, il direttore di una raffineria dello zucchero di Dačice, nell'odierna Repubblica Ceca.[2] Dal momento che la modellazione del saccarosio era faticosa e richiedeva molto lavoro, Rad ideò una pressa speciale dotata di 400 incavi quadrati che compattava del pan di zucchero non asciutto al suo interno. In seguito, le zollette venivano fatte essiccare per mezza giornata.[3][4]

Nel 1875 il francese Eugène François inventò una macchina che tagliava a cubetti lo zucchero, mentre intorno al 1900 il belga Théophile Adant inaugurò un metodo che consisteva nel versare dello zucchero fuso all'interno di apposite lastre tagliate a forma di cubetti o barrette.[5] Il "modello Adant" di lavorazione dello zucchero continuò ad essere applicato fino a quando, nel 1949, l'inventore francese Louis Chambon sviluppò una più efficiente macchina rotante all'interno della quale dei cristalli di zucchero vengono pressati in cubetti ("metodo Chambon").[6][7]

NoteModifica

  1. ^ zolletta, su treccani.it. URL consultato il 18 febbraio 2021.
  2. ^ (DE) Jana Bisová, Ritteradel im Alten Reich. Die Kämmerer von Worms genannt von Dalberg, Hessische Historische Kommission, 2009, p. 31.
  3. ^ Zucchero…con o senza?, su alvaropagnanelli.it. URL consultato il 18 febbraio 2021.
  4. ^ (DE) Patent auf den Würfelzucker, su br.de. URL consultato il 18 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) autori vari, Sugar Technology. Beet and Sugar Cane Manufacture, Dr. Albert Bartens, 1998, pp. 962–4.
  6. ^ (DE) Wer hat den Zuckerwürfel erfunden?, su bazonline.ch. URL consultato il 18 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2010).
  7. ^ (FR) Le sucre en morceau, su lesucre.com. URL consultato il 18 febbraio 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina