Apri il menu principale

Zoltán Lajos Meszlényi

vescovo cattolico ungherese
Zoltán Lajos Meszlényi
vescovo della Chiesa cattolica
Meszlenyi3.jpg
BishopCoA PioM.svg
Fidenter ac fideliter
 
Incarichi ricopertiVescovo titolare di Sinope
Vescovo ausiliare di Esztergom
 
Nato2 gennaio 1892, Hatvan
Ordinato presbitero28 ottobre 1915 ad Innsbruck
Consacrato vescovo28 ottobre 1937 dal cardinale Jusztinián Serédi
Deceduto4 marzo 1951, Kistarcsa
 
Beato Zoltán Lajos Meszlényi
Esztergom - Meszlényi beatification 12.JPG
 

Vescovo

 
NascitaHatvan, 2 gennaio 1892
MorteKistarcsa, 4 marzo 1951
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione31 ottobre 2009 da papa Benedetto XVI
Ricorrenza4 marzo
Attributilibro, palma, mitra
Patrono diAzione Cattolica, vescovi, prigionieri

Zoltán Lajos Meszlényi (Hatvan, 2 gennaio 1892Kistarcsa, 4 marzo 1951) è stato un vescovo cattolico ungherese. È stato beatificato nel 2009 da papa Benedetto XVI.

BiografiaModifica

Infanzia e formazioneModifica

Zoltán Lajos Meszlényi nacque il 2 gennaio 1892, nel comune di Hatvan, allora in Austria-Ungheria, ora in Ungheria. Era il secondo dei cinque figli di Zoltán Meszlényi ed Etel Burszky. Il padre era un insegnante in una scuola cattolica, di cui, in seguito, divenne preside.

Decise di seguire la sua vocazione sacerdotale, ed entrò quindi in seminario. Nel 1909, si trasferì a Roma, dove si iscrisse al Collegio Germanico-Ungarico e completò gli studi teologici nella Pontificia Università Gregoriana. Egli parlava correttamente latino, italiano, tedesco, inglese e francese e, mentre era a Roma, perfezionò ulteriormente il greco antico ed il latino ed imparò a parlare spagnolo e slovacco. Nel 1912 conseguì un dottorato in filosofia e, nel 1913, ottenne un diploma in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana. Terminò poi gli studi di diritto canonico e conseguì una laurea presso la Gregoriana.

Ministero sacerdotale ed episcopatoModifica

Venne ordinato presbitero il 28 ottobre 1915 nel comune di Innsbruck. Il cardinale János Csernoch lo nominò assistente pastorale in Komárom, ma vi restò per poco tempo, perché venne trasferito a svolgere il servizio pastorale ad Esztergom.

Il 22 settembre 1937, la nunziatura apostolica in Ungheria presentò al cardinale Jusztinián Serédi la nomina di Zoltán Meszlényi a vescovo titolare di Sinope e vescovo ausiliare di Esztergom, confermata ufficialmente dal cardinale Domenico Tardini a Roma. La sua consacrazione episcopale ebbe luogo il 28 ottobre 1937, nella Cattedrale di Nostra Signora e di Sant'Adalberto, per mano del cardinale Jusztinián Serédi. Co-consacranti furono István Breyer, vescovo di Győr, e Endre Kriston, vescovo titolare di Gerasa. Scelse come suo motto episcopale "Fidenter ac fideliter" (Con fiducia e fedeltà).

Detenzione e morteModifica

Purtroppo, il nuovo vescovo ausiliare assunse il suo ufficio in circostanze molto difficili: il 29 giugno 1950 venne arrestato. Per un breve periodo venne detenuto a Budapest, per poi lo essere trasferito presso Kistarcsa. Qui venne separato dagli altri prigionieri in una cella di isolamento senza finestre, dove le condizioni erano insopportabili. L'accusa ufficiale contro la sua persona, con ogni probabilità era un "comportamento antidemocratico". L'udienza pubblica ed ufficiale non ebbe mai luogo. Da quel momento in poi nessuno lo vide mai più. Successivamente alcune informazioni uscirono dal campo di detenzione, e da queste fu possibile sapere quale tutto ciò che egli aveva subito e quello che avrebbe potuto eventualmente causarne la morte. Egli morì il 4 marzo 1951 in prigionia.

Causa di beatificazioneModifica

Il 10 marzo 2004 si diede inizio al processo di beatificazione, e Zoltán Lajos Meszlényi assunse il titolo di Servo di Dio. Il 31 ottobre 2009 è stato beatificato nella Cattedrale di Nostra Signora e di Sant'Adalberto, e la cerimonia è stata presieduta dal cardinale Angelo Amato. La sua ricorrenza è fissata per il giorno 4 marzo.

Genealogia episcopaleModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN163973316 · ISNI (EN0000 0001 1251 3151 · WorldCat Identities (EN163973316