Apri il menu principale
Giraffe al Safaripark Beekse Bergen, Paesi Bassi

Lo zoo safari, chiamato anche parco safari o autosafari o altri nomi simili, è un'attrazione turistica a metà via tra un parco tematico e un giardino zoologico, in cui i visitatori percorrono un circuito a bordo di un veicolo (proprio o della struttura) per osservare animali selvatici in maniera simile ad un safari fotografico.

Tali strutture sono in genere di dimensioni più ampie rispetto ai normali zoo, poiché la maggiore attrazione è costituita dall'osservazione di animali di grossa taglia (soprattutto grandi mammiferi dell'Africa sub-sahariana come giraffe, leoni, rinoceronti, elefanti, ippopotami, zebre, struzzi e antilopi), spesso in un ambiente tematico progettato per richiamare l'habitat tipico dei luoghi d'origine degli animali.Spesso, accanto al percorso dello zoo safari sono presenti anche altri servizi turistici, come parchi tematici, acquari, delfinari, esposizione di altri animali, oltra a servizi di ristorazione e negozi di souvenir.

StoriaModifica

 
Giraffe al Knuthenborg Safaripark (Danimarca)

Il predecessore dei moderni zoo safari fu il parco Africa USA, aperto dal 1953 al 1961 in Florida, all'interno del quale venne ricreata una giungla africana di 300 acri con 55.000 piante e molti animali selvatici appositamente catturati nell'Africa Orientale Britannica. L'ingresso al parco era gratuita, ma i visitatori potevano esplorare l'area con un trenino turistico il cui biglietto costava 95 centesimi di dollaro.[1] Nel 1963 venne aperto il parco zoologico di Tama nei pressi di Tokyo, in cui i turisti potevano visitare un'area di un ettaro con 12 leoni su un autobus dotato di doppi vetri.

Il primo zoo safari visitabile con mezzi propri venne inaugurato nel 1966 fu il parco di Longleat nello Wiltshire (Inghilterra),[2][3] a cui si aggiunsero quelli di Windsor e Woburnsu iniziativa del circense Jimmy Chipperfield (1912-1990), già co-direttore del Chipperfield's Circus.[4] Il marchese di Bath Alexander Thynn fece recintare 40 ettari della grande tenuta di Wiltshire per poter ospitare 50 leoni.

Anche il conte di Derby aprì uno zoo safari a Knowsleys (periferia di Liverpool) così come il duca di Bedford nel Bedfordshire, entrambi con la collaborazione di Chiperfield. Visto il successo, anche la famiglia circense degli Smart Brothers decise di aprire uno zoo safari a Windsor per attirare i turisti da Londra (tale parco è stato chiuso nel 1992 e trasformato in un parco di divertimenti della catena Legoland). La maggior parte dei parchi safari venne aperto tra il 1966 e 1975. In Italia i primi zoo safari vennero realizzati negli anni 1970, sostenuti dall'amico degli animali Angelo Lombardi.[5].

Lista di parchi zoo safari nel mondoModifica

AfricaModifica

    • Egitto: Alexandria (Africa Safari Park, 2004)

AmericheModifica

 
Savana africana al San Diego Safari Park, USA
  • Brasile: San Paolo del Brasile (Zoo Safári, 2001)
  • Canada
    • Ontario: Flamborough (African Lion Safari, 1969)
    • Quebec: Hemmingford (Parc Safari Africain, 1972); Montebello (Parc Omega)
  • Cile : Rancagua (Safari Park Rancagua, 2009)
  • Guatemala : Escuintla (Auto Safari Chapin, 1980)
  • Messico:
    • Puebla (Africam Safari, 1972)
    • Morelos (Zoofari, 1984)
  • Stati Uniti d'America
    • Florida: Loxahatchee (Lion Country Safari, 1967)
    • California: Escondido (San Diego Zoo Safari Park, ex San Diego Wild Animal Park, 1972)
    • Louisiana: Epps (High Delta Safari Park)
    • Maryland: Largo (The Largo Wildlife Preserve, 1973–1978, ora Six Flags America)
    • Nebraska: Ashland (Lee G. Simmons Conservation Park and Wildlife Safari)
    • New Jersey: Jackson (Great Adventure, 1974, ora Six Flags Great Adventure & Wild Safari)
    • New Jersey: West Milford ("Warner Brothers Jungle Habitat", 1972-1976)
    • Texas: Grand Prairie (Lion Country Safari, 1971–1992), San Antonio (Natural Bridge Wildlife Ranch, 1984), Glen Rose (Fossil Rim Wildlife Ranch, 1984)
    • Oregon: Winston (Wildlife Safari, 1973)
    • Ohio: Port Clinton (African Safari Wildlife Park, 1973), Mason (Lion Country Safari at Kings Island, 1974–1993)
    • Virginia: Doswell (Lion Country Safari at Kings Dominion, 1974–1993), Natural Bridge (Virginia Safari Park, 2000)
    • Georgia: Pine Mountain (Wild Animal Safari, 1991)

AsiaModifica

 
Autobus utilizzato nel Fuji safari park (Giappone)
  • Bangladesh : Gazipur (Bangabandhu safari park,2013; Cox's Bazar (Dulahazara Safari Park, 1999)
  • Cina : Shenzhen (Safari Park, 1993), Shanghai (Wild Animal Park, 1995), Qinhuangdao (Qinhuangdao Wildlife Park, 1995), Guangzhou (Xiangjiang Safari Park, 1997), Jinan (Safari Park, 1999), Badaling (Safari World, 2001)
  • Filippine: Calauit (Calauit Safari Park, 1975), Olongapo (Zoobic Safari, 2003)
  • Giappone: Miyazaki (Safari Park, 1975), Usa (Kyushu African Safari, 1976), Mine (Akiyoshidai Safari Land, 1977), Tomioka (Gunma Safari Park, 1979), Susono (Fuji Safari Park, 1980), Himeji (Central Park, 1984)
  • India: Wildlife Safari Etawah(2014)
  • Indonesia : Taman Safari, with three locations in Bogor, Mount Arjuno and Bali (in Bali includes Marine Park)
  • Israele: Centro zoologico di Tel Aviv-Ramat Gan (1974)
  • Malaysia: Malacca (A'Famosa Animal World Safari, 2001), Pahang ( Bukit Gambang Safari Park)
  • Pakistan: Lahore (Lahore Zoo Safari, 2009, ex Lahore Wildlife Park, 1982)
  • Singapore: Night Safari, Singapore, 1994
  • Taiwan : Xinzhu (Leofoo Safari Park)
  • Thailandia: Bangkok (Safari World, 1988)
  • Vietnam : Phú Quốc (Vinpearl Safari, 2015)

EuropaModifica

 
Safari-Park di Tüddern nel 1970
 
Un daino del Longleat Safari Park (Regno Unito)
  • Austria: Gänserndorf (Safaripark, 1972–2004)
  • Belgio: Le Monde Sauvage, (Aywaille, 1975)
  • Francia: Thoiry (Réserve Africaine, 1968), Peaugres (Safari de Peaugres, 1974), Sigean (Réserve africaine de Sigean, 1974), Saint-Vrain (Parc du Safari de Saint-Vrain, 1975–1998), Obterre (Haute Touche Zoological Park, 1980), Port-Saint-Père (Planète Sauvage, 1992)
  • Germania: Gelsenkirchen (Löwenpark, 1968–1989), Tüddern (Löwen-Safari,1968–1990), Stuckenbrock (Hollywood und Safaripark, 1969), Hodenhagen (Serengeti Park, 1974)
  • Italia: Bussolengo (Parco Natura Viva, 1969), Fasano (Zoosafari, 1973), Pombia (Safari Park, 1976), Murazzano (Parco Safari delle Langhe, 1976), Ravenna (Safari Ravenna, 2012)
  • Danimarca: Givskud (Løveparken, 1969), Knuthenborg (Knuthenborg Safari Park, 1969)
  • Paesi Bassi: Hilvarenbeek (Safaripark Beekse Bergen, 1968)
  • Portogallo: Badoca Safari Park (Badoca Safari Park)
  • Regno Unito: Longleat (1966), Windsor (1969–1992), Woburn (1970), Knowsley (1971), Lambton (Lion Park, 1972–1980), Bewdley (West Midland Safari Park, 1973); Blair Drummond (1970)
  • Russia Kudykina Gora (Кудыкина гора)
  • Spagna: Cabárceno (Parque de la Naturaleza, 1990)
  • Svezia: Kolmården (Safari Park, 1972–2011), Smålandet (Markaryds Älg & Bison Safari,?)

OceaniaModifica

  • Australia: Warragamba (African Lion Safari, 1968-1991)

NoteModifica

  1. ^ Life, Vol.49, No.5, August 1, 1960, pp.1,30.
  2. ^ The lions and loins of Longleat The Sunday Times Retrieved February 18, 2011
  3. ^ Gail Vines, Safari parks, after the honeymoon, in New Scientist, 2 dicembre 1982, pp. 554–557. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  4. ^ Ian Sansom, Great dynasties of the world: The Chipperfields (London, The Guardian), 15 maggio 2010. URL consultato il 21 agosto 2012.
  5. ^ Silvia Fumarola, Addio a Lombardi, l'amico degli animali, in La Repubblica, 30 agosto 1996.

BibliografiaModifica

  • Jimmy Chipperfield, My Wild Life, Londra, Macmillan, 1975, pp. 219, ISBN 0-333-18044-5.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica