Apri il menu principale

Íñigo López de Mendoza y Zúñiga

cardinale spagnolo
Íñigo López de Mendoza y Zúñiga
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Lopez de Mendoza.jpg
Ritratto del cardinale López
Template-Cardinal (Bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1498 a Miranda de Ebro
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo1528 da papa Clemente VII
Consacrato vescovoin data sconosciuta
Creato cardinale9 marzo 1530 da papa Clemente VII
Deceduto15 gennaio 1537 a Tordómar
 

Íñigo López de Mendoza y Zúñiga (Miranda de Ebro, 1498Tordómar, 15 gennaio 1537) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo.

BiografiaModifica

Nacque a Miranda de Ebro nel 1498, figlio di Pedro de Zúñiga y Avellaneda, secondo Conte di Miranda del Castañar, signore de Avellaneda, Peñaranda de Duero e più ville, e di Catherine de Velasco e Mendoza, figlia di Pedro Fernandez de Velasco, secondo conte di Haro, e Mencia de Mendoza y Vega, fratello minore di Francisco de Zúñiga Avellaneda y Velasco, terzo conte di Miranda del Castañar e Juan de Zúñiga Avellaneda y Velasco, cavaliere comandante di Castiglia nell'Ordine di San Giacomo della Spada.

Nel 1526 divenne ambasciatore per Carlo V in Inghilterra. Durante il suo viaggio, venne trattenuto per 4 mesi dai francesi. Nel 1528 venne arrestato a causa del deterioramento delle relazioni tra Carlo ed Enrico VIII. Solo raramente gli fu permesso di inviar lettere. In seguito chiese di essere rimosso dal suo incarico a causa della cattiva salute e per il fatto che gli inglesi non si fidassero di lui. Gli fu permesso di tornare in patria nel maggio 1529 e fu sostituito da Eustace Chapuys.

Nel 1528 venne eletto vescovo di Coria (con dispensa per non aver ancora conseguito l'ordine sacerdotale). Nel 1529 divenne arcivescovo di Burgos.

Papa Clemente VII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 9 marzo 1530 con il titolo di Cardinale diacono di San Nicola in Carcere.

Morì il 15 gennaio 1537 all'età di 39 anni.

Genealogia episcopaleModifica

  • ...
  • Cardinale Íñigo López de Mendoza y Zúñiga

Collegamenti esterniModifica