Apri il menu principale

Vetrina
Vetrina
Trento 3 novembre 1918.jpg

La battaglia di Vittorio Veneto o terza battaglia del Piave fu l'ultimo scontro armato tra Italia e Impero austro-ungarico nel corso della prima guerra mondiale. Si combatté tra il 24 ottobre e il 4 novembre 1918 nella zona tra il fiume Piave, il Massiccio del Grappa, il Trentino e il Friuli e seguì di pochi mesi la fallita offensiva austriaca del giugno 1918 che non era riuscita a infrangere la resistenza italiana sul Piave e sul Grappa e si era conclusa con un grave indebolimento della forza e della capacità di combattimento dell'Imperial regio Esercito.

L'attacco decisivo italiano, fortemente sollecitato dagli alleati che erano già passati all'offensiva generale sul fronte occidentale, ebbe inizio solo il 24 ottobre 1918 mentre l'Impero austro-ungarico dava già segno di disfacimento a causa delle crescenti tensioni politico-sociali tra le numerose nazionalità presenti nello stato asburgico, e mentre erano in corso tentativi di negoziati per una sospensione delle ostilità.

La battaglia di Vittorio Veneto fu caratterizzata da una fase iniziale duramente combattuta, durante la quale l'esercito austro-ungarico fu ancora in grado di opporre valida resistenza sia sul Piave sia nel settore del Monte Grappa, a cui seguì un improvviso e irreversibile crollo della difesa, con la progressiva disgregazione dei reparti e defezioni tra le minoranze nazionali, che favorirono la rapida avanzata finale dell'esercito italiano fino a Trento e Trieste.

Il 3 novembre 1918, con entrata in vigore dal giorno successivo, venne concluso l'armistizio di Villa Giusti che sancì la fine dell'Impero austro-ungarico e la vittoria dell'Italia nella Grande Guerra.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina

Voci di qualità
Voci di qualità
Cholesterol.svg

Il colesterolo è una molecola organica appartenente alla classe dei lipidi e, più nel dettaglio, degli steroli. Esso riveste un ruolo particolarmente importante nella fisiologia degli animali. La molecola del colesterolo ha una struttura a quattro anelli rigidi ed è un costituente insostituibile delle membrane cellulari animali, oltre a essere un precursore degli ormoni steroidei, della vitamina D e degli acidi biliari. In patologia concorre alla formazione dei calcoli biliari e degli ateromi.

La concentrazione di tale sostanza nel sangue è detta colesterolemia; poiché nel sangue il colesterolo è contenuto nelle lipoproteine plasmatiche, si usa, in termini più precisi, far riferimento al colesterolo plasmatico totale, al colesterolo LDL, al colesterolo HDL o al colesterolo non-HDL (che include il colesterolo trasportato da tutte le lipoproteine plasmatiche ad eccezione delle HDL). I valori della colesterolemia possono essere normali, bassi (ipocolesterolemia) o elevati (ipercolesterolemia), condizioni queste ultime potenzialmente pericolose per la salute umana.

Livelli elevati di lipoproteine plasmatiche ricche di colesterolo (in particolare LDL) sono considerati tra i più importanti fattori di rischio cardiovascolare e possono provocare malattie molto gravi come l'aterosclerosi, in quanto esse si accumulano nelle arterie e avviano una reazione infiammatoria che conduce alla formazione di ateromi, il cui nucleo è ricco di colesterolo. Le placche aterosclerotiche possono provocare l'occlusione dei vasi ed eventualmente la morte nel caso in cui siano interessati distretti vitali (arterie coronarie e cerebrali).

Leggi la voce · Tutte le voci di qualità

Lo sapevi che...
Lo sapevi che...
UVB-76-detail.png

UVB-76, conosciuta anche come "The Buzzer", è il soprannome dato da radioamatori e ascoltatori di onde corte a una misteriosa stazione radio.

La stazione abitualmente trasmette un breve e monotono ronzio, ripetuto 25 volte al minuto, senza sosta. Nella storia della stazione, in alcune saltuarie occasioni, il suono si interrompe lasciando il posto a messaggi vocali cifrati in russo. La prima trasmissione sembra essere stata nel 1973.

Leggi la voce · Proponi un'altra voce

Ricorrenze
Ricorrenze
Jimi Hendrix 1967 uncropped.jpg
Jimi Hendrix

Nati il 18 settembre...
Traiano (53)
Greta Garbo (1905)
Luigi Pintor (1925)

... e morti
Eulero (1783)
Dag Hammarskjöld (1961)
Jimi Hendrix (1970)

In questo giorno accadde...
1851 – Il New York Times inizia le pubblicazioni.
1860 – Le truppe sabaude sconfiggono quelle pontificie nella battaglia di Castelfidardo.
1906 – Un ciclone tropicale, seguito da uno tsunami, uccide circa 10.000 persone a Hong Kong.
1931 – Il Giappone, a seguito dell'incidente di Mukden, occupa la Manciuria.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria di san Giuseppe da Copertino. La religione romana celebrava il natale di Traiano e i Ludi Triumphales. Ricorre la prima sera di Rosh haShana, il capodanno della religione ebraica.


Traduzione della settimana da Meta-Wiki

Questa settimana la voce da tradurre è:

(versione in italiano: Zhang Shichuan)


Citazione del giorno da Wikiquote

Solo l'amare, solo il conoscere / conta, non l'aver amato, / non l'aver conosciuto.
Pier Paolo Pasolini


Immagine del giorno da Commons

Persépolis, Irán, 2016-09-24, DD 53.jpg

Bassorilievi di guardie di palazzo sulle scale monumentali di Apadana a Persepoli.


Ultime notizie da Wikinotizie


Rilettura del mese su Wikisource

Il Fiore delle Perle
Emilio Salgari, Genova, Donath, 1901

Salgari - Il Fiore delle Perle.djvu

Destinazione del mese su Wikivoyage

Tunisi

Tunis Homebanner2.jpg

Tunisi è una città ricca di contrasti, con i coloniali edifici francesi e il suq e la medina tra i più autentici e tranquilli del Nordafrica. Spesso sottovalutata dai turisti, rappresenta un ottimo punto di partenza per visitare le rovine di Cartagine e le spiagge di Sousse.


La lezione del mese su Wikiversità

Tutti possono imparare o riapprendere nel modo più indipendente possibile con Wikiversità.
I materiali disponibili coprono più livelli di apprendimento e una vasta varietà di argomenti raggruppati per tematiche. E ciascuno possiede delle conoscenze che può trasmettere a chi legge. Anche tu.

Wikiversity-logo-it.svgInizia subito ad apprendere e a insegnare su Wikiversità...



Leggi in un'altra lingua