Apri il menu principale

Agostino Olivieri

vescovo cattolico italiano
Agostino Olivieri, Sch. P.
vescovo della Chiesa cattolica
Agostino Olivieri vescovo di Aretusa.jpg
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo titolare di Aretusa (1807-1834)
 
Nato22 gennaio 1758 a Napoli
Ordinato presbitero21 settembre 1782
Nominato vescovo3 agosto 1807 da papa Pio VII
Deceduto10 maggio 1834 a Napoli[1]
 

Agostino Olivieri (Genova, 22 gennaio 1758Napoli, 10 maggio 1834) è stato un teologo e vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nato a Genova, lasciò la città e la famiglia per recarsi presso la Congregazione della Madre di Dio, che aveva un'unica sede a Napoli, per il noviziato.[2] Divenuto sacerdote, si ritrovò senza alloggio in Sicilia, e nel 1798 trovò ospitalità presso un convento di benedettini. Chiese al re Ferdinando IV il permesso di potersi trasferire in Germania, per non restare a carico del convento, ma la regina Maria Carolina, conoscendo le sue qualità, lo scelse come istitutore delle proprie figlie, affidandogli la loro educazione e formazione.

L'incarico gli venne riconfermato nel tempo, anche durante la carica di vescovo, come da Francesco I per la formazione dei propri figli:[2] nel 1826, Olivieri pubblicò un trattato di filosofia morale[3] destinato ai principi reali, suoi allievi, come manuale di studio, ma anche alla formazione universitaria.[4]

PubblicazioniModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN102357735 · WorldCat Identities (EN102357735