Apri il menu principale

Alfonso di Zamora

rabbino e ebraista spagnolo
Introductionis artis Grammaticae hebraica (Alcalá de Henares, 1526).

Alfonso di Zamora (Zamora, 14741531) è stato un rabbino ed ebraista spagnolo. Rabbino convertitosi nel 1506, fu il primo professore di ebraico a Salamanca. Nell'ambito dell'edizione complutense della Bibbia, curò la traduzione in latino del Targum e, per la stessa, realizzò un dizionario e una grammatica ebraica. Nel 1526 pubblicò un'altra grammatica correlata di un elenco di personaggi biblici e di una lettera agli ebrei di Roma in cui dimostrava la venuta del Messia. In merito alla Bibbia Poliglotta Complutense il biblista Mariano Revilla Rico osserva: «Dei tre ebrei convertiti che parteciparono all'opera del cardinale Francisco Jiménez de Cisneros, il più celebre è Alfonso di Zamora, grammatico , filosofo e talmudista, oltre che studioso di latino, greco, ebraico e aramaico».

BiografiaModifica

«Ordiniamo che entro la fine di luglio di quest'anno tutti gli ebrei e le ebree....lascino tutti i nostri suddetti regni e signorie con i loro figli e figlie, servi e serve e tutti quelli della loro casa, sia grandi che piccoli, a prescindere dalla loro età e non osino più farvi ritorno.»

(1942, Decreto di Ferdinando ed Isabella di Spagna)

Il rabbi Juan di Zamora, padre di Alfonso, viveva in Spagna da generazioni. A seguito del decreto dei sovrani Ferdinando ed Isabella di Spagna nel 1942, decreto che ordinava a tutti gli ebrei di qualsiasi età e sesso di lasciare la nazione e di non farvi più ritorno, pensò che la soluzione migliore fosse convertirsi al cattolicesimo e rimanere in Spagna.

Il biblistaModifica

 
Biblioteca dell'Escorial dove è conservato il manoscritto G-I-4 della Traduzione di Zamora

L'opera più significativa alle quale Zamora lavorò l'edizione ebraica della Bibbia con una completa traduzione in latino. È probabile che Zamora desiderasse che quel materiale venisse usato nella Poliglotta Complutense. Uno dei manoscritti di questa traduzione della Bibbia catalogato come G-I-4 è conservato nella biblioteca del Monastero dell'Escorial a pochi chilometri da Madrid. Il manoscritto contiene l'intero libro della Genesi in ebraico e una traduzione interlineare dello stesso libro biblico in latino. La dichiarazione contenuta nel prologo di questa traduzione asseriva: «La salvezza delle nazioni richiedeva la traduzione delle Sacre Scritture in altre lingue... Abbiamo ritenuto... assolutamente necessario che i fedeli disponessero di una traduzione biblica parola per parola, fatta in modo che per ogni parola ebraica ce ne fosse una equivalente in latino».

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100897315 · ISNI (EN0000 0001 1827 9669 · LCCN (ENn83225929 · GND (DE119257246 · BNF (FRcb12129917d (data) · BAV ADV10035642 · CERL cnp01326468 · WorldCat Identities (ENn83-225929