Amasio di Teano

vescovo
Sant'Amasio

Vescovo

 
MorteTeano, 356
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza23 gennaio
AttributiBastone pastorale
Patrono diTeano, Piedimonte San Germano

Amasio (... – Teano, 23 gennaio 356) è stato il secondo vescovo di Teano e viene considerato santo dalla Chiesa cattolica che lo ricorda il 23 gennaio.

AgiografiaModifica

Greco di origine, il sacerdote Amasio venne in Italia dall'Oriente cacciato dalle persecuzioni dell'imperatore Costanzo. Giunto a Roma si presentò al papa Giulio I il quale lo inviò a predicare in Campania. Espulso da Sora dal partito ariano, Amasio si recò a Teano, dove fu eletto vescovo dopo la morte di Paride.

Amasio morì pacificamente a Teano intorno all'anno 356.

CultoModifica

I cattolici ne celebrano la festa liturgica il 23 gennaio:

«A Teano in Campania, commemorazione di sant’Amasio, vescovo.»

(Martirologio Romano)

È compatrono di Teano (CE) e patrono di Piedimonte San Germano (FR).

Collegamenti esterniModifica