Amigdala (pietra)

In mineralogia viene definita amigdala una concrezione minerale, di dimensioni e di composizione varia, a forma di mandorla, che viene originata da una deposizione di sostanza proveniente da soluzioni circolanti e che ha riempita una cavità di rocce preesistenti di tipo eruttivo-effusivo.

Il termine viene usato in archeologia per descrivere alcuni tipi di bifacciale, generalmente rocce composte da selce, ossidiana e quarzite, unite ad altre pietre più dure, scolpite a forma di mandorla e usate per azioni giornaliere compiute dagli uomini primitivi; il primo ad utilizzare questo genere di strumenti fu presumibilmente l'Homo erectus nel periodo Paleolitico.[1]

NoteModifica

  1. ^ AA.VV., Creazione e dono, Milano, Jaca Book, 2005.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica