André Parrot

archeologo francese

André Parrot (Désandans, 15 febbraio 1901Parigi, 24 agosto 1980[1]) è stato un archeologo francese.

André Parrot

Docente di archeologia orientale all'École du Louvre, dottore in teologia, fu professore di lingua e letteratura ebraica (1937-1949), di storia delle religioni (1950-1955) presso la facoltà di teologia protestante di Parigi. Partecipò agli scavi di Biblo (1928). Diresse la campagna di scavo di Baalbek (1927-1928), di Tello (1931-1933) e di Larsa (1933 e 1967). Nel 1933 divenne capo della spedizione che scoprì Mari.[2] Dal 1968 fu direttore del Louvre.

OpereModifica

  • Mari, a lost city (1936)
  • Mesopotamian Archaeology (1946–1953)
  • The Temple of Jerusalem (1957)
  • I Sumeri (1960)
  • Gli Assiri (1961)
  • Abraham and His Times (1962, Oxford UP)
  • The Treasure of Ur (1968)
  • The Art of Sumer (1970)
  • The excavations of Mari, 18th and 19th campaigns (1970–1971)
  • Mari, fabulous capital (1974)
  • I Fenici (1975) assieme a Maurice H. Chéhab e Sabatino Moscati
  • Archaeology (1976)
  • Archaeological Adventure (1979)

NoteModifica

  1. ^ André Parrot (1901-1980) data.bnf.fr
  2. ^ "André Parrot", in Je m'appelle Byblos, Jean-Pierre Thiollet, Parigi, H & D, 2005, p. 256. ISBN 2 914 266 04 9

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • André Parrot, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 25-8-2013.
Controllo di autoritàVIAF (EN27069841 · ISNI (EN0000 0001 2125 1413 · SBN CFIV083062 · BAV 495/117412 · LCCN (ENn50050793 · GND (DE118591819 · BNE (ESXX1179340 (data) · BNF (FRcb11918661v (data) · J9U (ENHE987007266481905171 (topic) · NSK (HR000297845 · NDL (ENJA00452188 · CONOR.SI (SL74540387 · WorldCat Identities (ENlccn-n50050793
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie