Angelica (botanica)

genere di pianta della famiglia Apiaceae

Angelica L., 1753 è un genere di piante della famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere).[1]

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Angelica
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Tracheobionta
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Asteridi
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Sottofamiglia Apioideae
Tribù Selineae
Genere Angelica
Specie Angelica
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Sottofamiglia Apioideae
Tribù Selineae
Genere Angelica
Specie Angelica
Nomenclatura binomiale
Angelica
L., 1753

Descrizione modifica

Il genere comprende piante erbacee perenni o biennali, che possono raggiungere anche i due metri di altezza. Hanno in genere un portamento eretto con un fusto robusto, percorso da numerose scanalature e molto ramificato. Le foglie sono alterne, di colore verde, più chiaro nella pagina inferiore e portate su lunghi piccioli e provviste di un'ampia guaina.

Proprietà modifica

Secondo notizie pubblicate nel febbraio 2019 le foglie della Angelica keiskei, una specie diffusa in Giappone, contenendo un flavonoide, il 4,4′-dimethoxychalcone (DMC), avrebbero proprietà antiossidanti che allungherebbero la vita a molte specie animali, anche alle cellule umane, si tratta di ricerche preliminari che dovranno essere verificate e approfondite[2]. Questa proprietà sarebbe già stata conosciuta in passato in Europa visto che Annibal Camoux, famoso per la sua longevità, era noto per il suo masticare radice di angelica[3].

Tassonomia modifica

 
Wild angelica (Angelica sylvestris) da Thomé, Flora von Deutschland, Österreich und der Schweiz 1885

Il genere comprende oltre un centinaio di specie:[1]

Note modifica

  1. ^ a b (EN) Angelica, in The Plant List. URL consultato il 19 agosto 2016.
  2. ^ In una pianta giapponese la molecola di lunga vita
  3. ^ Jean Valnet, 2005; Terry Breverton, 2011; in contrasto con l'idea di una sua ultracentenarità, vedi Louis Thibaux, Le faux centenaire marseillais Annibal Camoux (1638!) 1669-1759 in Bulletin del l'Institut Historique de Provence, vol. 34, nº 2, 1957, pp. 49-50.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàJ9U (ENHE987007294723605171
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica