Apri il menu principale

BiografiaModifica

Angelo Senna svolse la sua attività scientifica a Firenze, presso l'Istituto di studi superiori e il Museo Zoologico la Specola. Si laureò nel 1892 e divenne assistente assistente dell'Istituto di Zoologia e Anatomia degli Invertebrati presso l'Istituto di Studi Superiori Pratici e di Perfezionamento di Firenze, diretto allora da Adolfo Targioni Tozzetti e dal 1921 fu direttore dell’Istituto di Zoologia della Specola.

Si occupò di crostacei decapodi e anfipodi, tra cui quelli raccolti dalla prima crociera oceanografica italiana nel Mediterraneo, di chirotteri e di coleotteri brentidi,[1][2] acquistando fama di specialista a livello mondiale e descrivendo molte nuove specie.[3][4] Studiò i microchirotteri scrivendone la voce nel 1937 per l'Enciclopedia Treccani.[5]

OpereModifica

  • Angelo Senna, Esplorazioni abissali nel Mediterraneo del R. piroscafo Washington nel 1881, Bullettino della Società entomologica italiana. Anno XXXIV. Trimestre I, IV, 1902.
  • Angelo Senna, Le farfalle: atlante di 24 tavole doppie con 349 figure, Hoepli, 1912
  • Angelo Senna, MESODERES. NOTE IX. of Brenthidae. Dr. Angelo Senna. Mesoderes. genus Taphroderinarum. convexum, pilosum. lineato-transversum. subimpressum. On-line in pdf su docplayer.net

NoteModifica

  1. ^ Angelo Senna, su species.wikimedia.org. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Angelo Senna, su repository.naturalis.nl, gennaio 1896. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  3. ^ B. Mascherini, Le miscellanee, op.cit., p. 139
  4. ^ Giulio Barsanti, Guido Chelazzi, Il Museo di storia naturale dell'Università degli studi di Firenze, vol. 1, Firenze University Press, 2009, pp. 108. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  5. ^ Microchirotteri, su treccani.it, 1937. URL consultato il 17 gennaio 2019.

Collegamenti esterniModifica