Apri il menu principale

Annibale Cappello (Mantova, 1540Roma, 1587, condannato all'impiccagione) è stato un presbitero e giornalista italiano.

Segretario del Cardinale Cesare D'Este, Cappello divenne ben presto uno dei maggiori «gazzettieri» romani della seconda metà del Cinquecento. Attraverso questa attività di giornalista ante litteram riuscì a denunciare svariati scandali della Curia pontificia, ma, vittima del provvedimento Constitutio contra scribentes et dictantes monita, fu condannato a morte mediante impiccagione. Angelo Grillo, noto corrispondente epistolare di Torquato Tasso, ne biasimò la temerarietà in una lettera indirizzata all'amico Maurizio Cattaneo, definendo Cappello il «menante» che riuscì a «fare della penna coltello contra fame dei grandi».

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica