Antonio Ferradini

compositore italiano

Antonio Ferradini (Napoli, 1718 circa – Praga, 1779) è stato un compositore italiano.

BiografiaModifica

Della vita di Ferradini si conosce poco. Scrisse la sua prima composizione nel 1739, probabilmente un lavoro sacro, che rimane tuttora sconosciuto. Qualche anno dopo seguì la composizione di un oratorio, Il Giuseppe riconosciuto, rappresentato nella sua città natale nel 1745. Dal 1751 viaggiò per l'Italia settentrionale e per la Spagna per mettere in scena le proprie opere: soggiornò a Lugo, Forlì, Madrid, Firenze, Reggio Emilia, Milano, Lucca e Parma. Fu a Parma nel 1757, dove incontrò Carlo Goldoni e del quale musicò un libretto, Il festino. Dopodiché si recò definitivamente a Praga, dove si diede alla composizione di sola musica sacra.

LavoriModifica

OpereModifica

Di Ferradini sono note 10 opere; l'anno e la città si riferiscono alla prima rappresentazione.

Musica sacraModifica

  • Giuseppe riconosciuto (oratorio, libretto di Pietro Metastasio, 1745, Napoli)
  • Messa per 4 voci (1775, Praga)
  • 3 Kyrie e Gloria per soli soprano e contralto, quattro voci e orchestra
  • 5 Credo per 4 voci e archi
  • Credidi per 4 voci (1739)
  • Stabat mater per voci soliste e orchestra
  • Gaude fideles turba per tenore e orchestra
  • Gaudate alatea mente per contralto e orchestra
  • Dextera Domini per 4 voci (1776, Praga)
  • Tenebrae factae sunt

Altre composizioniModifica

  • 2 ouverture (1755 e 1758)
  • Sinfonia
  • Quartetto Armonioso per 3 violini e violoncello
  • Serenata Nocturna per 2 flauti e basso
  • 6 sonate per clavicembalo
  • 12 duetti per l'Elettrice di Sassonia (1769)
  • 3 duetti per 2 soprani
  • Madrigali per 2 soprani e basso continuo

Musica di dubbia attribuzioneModifica

BibliografiaModifica

  • F. Torrefranca, Le origini italiane del romanticismo musicale: i primitivi della sonata moderna, pp. 172 – 8 (Torino, 1930)
  • A. Iesuè, Note su Antonio Ferradini, Nuova Rivista Musicale Italiana, vol. XV, pp. 241–6 (1981)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN91110162 · ISNI (EN0000 0000 6690 4206 · LCCN (ENno2009100825 · GND (DE138938164 · BNF (FRcb14813359h (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2009100825
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica