Arcieparchia di Tiro dei Maroniti

Arcieparchia di Tiro dei Maroniti
Archieparchia Tyrensis Maronitarum
Chiesa maronita
MaroniteCathedralOurLadyOfTheSeas TyreLebanon RomanDeckert04092019.jpg
Arcieparca Charbel Abdallah
Arcieparchi emeriti Chucrallah-Nabil El-Hage
Presbiteri 34, di cui 22 secolari e 12 regolari
1.257 battezzati per presbitero
Religiosi 22 uomini, 34 donne
Diaconi 2 permanenti
Battezzati 42.755
Parrocchie 22
Erezione 1838
Rito rito antiocheno
Cattedrale Notre-Dame-des-Mers
Indirizzo Archeveché Maronite, Rue Notre Dame des Mers, Tyr, Liban
Dati dall'Annuario pontificio 2021 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Libano

L'arcieparchia di Tiro dei Maroniti (in latino: Archieparchia Tyrensis Maronitarum) è una sede della Chiesa maronita in Libano. Nel 2020 contava 42.755 battezzati. È retta dall'arcieparca Charbel Abdallah.

TerritorioModifica

L'arcieparchia estende la sua giurisdizione sui fedeli maroniti del sud del Libano.

Sede arcieparchiale è la città di Tiro, dove si trova la cattedrale Notre-Dame-des-Mers.

Il territorio è suddiviso in 22 parrocchie.

StoriaModifica

L'eparchia di Tiro, unitamente a quella di Sidone, risale agli albori della Chiesa maronita (XVI secolo). Il sinodo del Monte Libano del 1736 istituì canonicamente l'eparchia di Tiro e Sidone, che fu sede propria del patriarca dal 1819 al 1837.

Il 26 gennaio 1906 le due sedi episcopali furono separate con la creazione di due diocesi distinte, ognuna con una propria giurisdizione, in forza della bolla Supremi apostolatus di papa Pio X.

Nel 1965 l'eparchia di Tiro è stata elevata al rango di arcieparchia.

L'8 giugno 1996 ha ceduto una porzione di territorio a vantaggio dell'erezione dell'arcieparchia di Haifa e Terra Santa.

Cronotassi dei vescoviModifica

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

  • ...
  • Ignazio † (prima del 1736 - dopo il 1746[1])
  • ...
  • Mikhail Fadel † (1762 - 1786 confermato arcieparca di Beirut)
  • ...
    • Simone Zevain † (menzionato il 25 maggio 1823) (vicario patriarcale con il titolo di Tiro)[2]
    • Abdallah Bostani (Elbostari) † (15 agosto 1819 - 1837 o 1838) (vicario patriarcale con il titolo di Sidone)
  • Abdallah Bostani (Elbostari) † (1837 o 1838 - 1866 deceduto)
  • Pierre Bostani † (5 ottobre 1866 - 2 novembre 1899 deceduto)
  • Paul Basbous † (25 settembre 1900 - 26 gennaio 1906 nominato eparca di Sidone)
  • Checrallah Khouri, C.M.L. † (31 gennaio 1906 - 11 febbraio 1934 deceduto)
  • Boulos Meouchi † (19 aprile 1934 - 25 maggio 1955 eletto patriarca di Antiochia)
  • Michael Doumith † (21 aprile 1956 - 11 dicembre 1959 nominato eparca di Sarba)
  • Joseph Khoury † (11 dicembre 1959 - 5 febbraio 1992 deceduto)
  • Maroun Khoury Sader † (1º giugno 1992 - 25 settembre 2003 ritirato)
  • Chucrallah-Nabil El-Hage (25 settembre 2003 - 1º novembre 2020 ritirato)
  • Charbel Abdallah, dal 1º novembre 2020

StatisticheModifica

L'arcieparchia nel 2020 contava 42.755 battezzati.

anno popolazione presbiteri diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per presbitero uomini donne
1950 11.361 ? ? 25 18 7 454 4 20
1970 66.000 2.796.714 2,4 34 12 22 1.941 22 26 17
1980 21.500 ? ? 16 8 8 1.343 8 20 26
1990 22.000 ? ? 21 14 7 1.047 14 29 21
1999 44.000 ? ? 28 16 12 1.571 19 42 21
2000 43.000 ? ? 26 16 10 1.653 15 44 22
2001 41.000 ? ? 25 16 9 1.640 15 44 22
2002 41.000 ? ? 25 17 8 1.640 14 35 22
2003 41.500 ? ? 22 14 8 1.886 14 29 21
2004 42.000 ? ? 22 14 8 1.909 9 39 21
2009 42.500 ? ? 28 18 10 1.517 10 46 22
2010 42.500 ? ? 29 18 11 1.465 11 46 22
2014 42.500 ? ? 37 22 15 1.148 17 34 22
2017 42.500 ? ? 34 21 13 1.250 14 34 22
2020 42.755 ? ? 34 22 12 1.257 2 22 34 22

NoteModifica

  1. ^ Breve Non possumus in: Iuris pontificii de propaganda fide, vol. III, p. 289.
  2. ^ Bullarium pontificium Sacrae Congregationis de Propaganda Fide, vol. V, pp. 1-2 e 6.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi