Aurboða

Jotunn, moglie di Gymir.

Nella mitologia norrena, Aurboða (dall'antico norreno ''ghiaietto offerente") è una jǫtunn, moglie dello jötunn Gymir e madre di Gerðr.[1]

TestimonianzeModifica

Nella Edda poetica del XIII secolo, viene attestata Aurboða in essa da fonti tradizionali, mentre appare anche nella Edda in prosa anch'essa scritta nel XIII secolo da Snorri Sturluson. Inoltre Aurboða è il nome di una delle nove fanciulle che siedono sulle ginocchia di Menglöd nel poema Svipdagsmál.

NoteModifica

  1. ^ Tom Clarke, Hungry primates see red, in news@nature, 15 marzo 2001, DOI:10.1038/news010315-11. URL consultato il 24 febbraio 2019.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

  Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia