Apri il menu principale
Autostrada A18
Autostrada A18 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniSicilia Sicilia
Italia - mappa autostrada A18.svg
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioMessina
FineRosolini (SR)
Lunghezza76,8 + 40,0 km
Data apertura1971[1] (primo tratto)
GestoreConsorzio per le Autostrade Siciliane
Pedaggiosistema autostradale chiuso
Percorso
Strade europeeItalian traffic signs - strada europea 45.svg
L'A18 nei pressi di Sant'Alessio Siculo

L'autostrada A18 è un'autostrada italiana composta da due diversi tronchi, parti della dorsale autostradale della Sicilia orientale.

Il primo tronco collega Messina con Catania ed è lungo 76,8 chilometri, il secondo collega Siracusa a Rosolini ed è lungo 40,0 chilometri. Entrambe le tratte sono gestite dal Consorzio per le Autostrade Siciliane. L'autostrada fa parte dell'itinerario europeo E45.

I due tronchi dell'autostrada A18 sono collegati tra di loro, senza soluzione di continuità, attraverso la tangenziale di Catania (da Catania Nord a contrada Passo Martino), l'autostrada Catania-Siracusa (da contrada Passo Martino ad Augusta-Villasmundo) e la strada statale 114 (da Augusta-Villasmundo a Siracusa, tratto con caratteristiche autostradali).

A18 Messina-CataniaModifica

StoriaModifica

Il tronco Messina-Catania è stato costruito tra il 1965 e il 1971, anno in cui l'autostrada venne progressivamente aperta al traffico iniziando dalla tratta Messina Tremestieri-Roccalumera. Venne costruita come autostrada montana nel tratto messinese a causa delle notevoli difficoltà orografiche e non ha subito modifiche nel corso dei decenni, ad eccezione dell'apertura degli svincoli di Fiumefreddo (anni 1990) e dei Paesi Etnei (luglio 2008).

In fase di realizzazione e all'inizio della sua attività veniva chiamata Autostrada delle Zagare[2].

L'autostrada oggiModifica

L'autostrada è lunga 77 chilometri, larga 24 metri con uno spartitraffico di 3 metri e con due corsie per senso di marcia oltre a una corsia di emergenza non presente nelle gallerie. Soggetta al pagamento di un pedaggio a sistema chiuso, è priva di piazzole per la sosta di emergenza ed è interessata da un volume di traffico crescente da Messina a Catania. Nel 2003 si sono registrati 28 milioni di veicoli in transito. L'autostrada ha inizio dall'innesto con l'autostrada A20 Messina-Palermo in prossimità dello svincolo di Messina Tremestieri e ha termine con l'innesto sulla tangenziale di Catania.

Tabella percorsoModifica

 
Messina - Catania
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia Strada europea
      Messina-Palermo 0,0 76,8 ME  
  Barriera Messina Sud Tremestieri 0,6 76,2
  Area di parcheggio "Canale ovest" 3,5 -
  Area di parcheggio "Mastroguglielmo ovest" 17,1 -
  Alì Terme (in progetto) 17,7 59,6
  Area di parcheggio "Allume est" - 56,7
  Area di parcheggio "Roccalumera ovest" 20,8 -
  Roccalumera
  Orientale Sicula
22,1 54,7
  Santa Teresa di Riva - Val d'Agrò (in progetto) 26,4 50,3
  Area di servizio "Baracca" -
  Area di parcheggio "Sant'Alessio ovest" 27,7 -
  Area di parcheggio "Parrino est" - 45,4
    Area di parcheggio "Silemi ovest" 32,9 -
  Area di parcheggio "Papale est" - 42,6
  Taormina
  Orientale Sicula
36,2 40,6
  Giardini-Naxos
  di Sella Mandrazzi
41,3 35,5
  Area di servizio "Calatabiano" 42,9 33,9
  Area di parcheggio "Calatabiano est" - 29,1 CT
  Fiumefreddo 48,5 28,3
  Mascali - Giarre nord (in progetto) 53,4 23,3
  Giarre 59,3 17,5
  Area di parcheggio "Linera est" - 12,1
  Area di parcheggio "Zirmelli est" - 8,3
  Acireale 69,8 7,0
  Area di servizio "Aci Sant'Antonio" 71,9 4,9
  Barriera Catania Nord 76,2 0,6
  Paesi Etnei
(uscita solo in direzione Messina)
76,7 0,1
    Diramazione per Catania 76,8 0,0
      Tangenziale di Catania

A18 dir Diramazione CataniaModifica

Autostrada A18 dir
Diramazione Catania
Localizzazione
Stato  Italia
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioA18
FineCatania
Lunghezza3,7[3] km
GestoreANAS

L'A18 dir Diramazione Catania ha inizio nell'A18 tra lo svincolo Paesi Etnei e l'inizio della tangenziale di Catania. Si sviluppa per 3,7 km fino ad arrivare nel centro di Catania. È gestita dall'ANAS[3]. La sigla alfanumerica A18 dir compare anche nei cartelli d'identificazione dei cavalcavia.

Tabella percorsoModifica

 
Diramazione di Catania
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia
      Messina-Catania
    Tangenziale di Catania
0,0 3,7 CT
  San Gregorio
(uscita solo in direzione RA 15-A18)
0,1 3,6
  Area di parcheggio 1,0 -
  Canalicchio 2,0 -
  Canalicchio - 1,2
    Catania
Viale del Mediterraneo
Circonvallazione di Catania
3,7 0,0

A18 Siracusa-GelaModifica

 
Il cambio del colore della segnaletica tra la fine della SS 114 e l'inizio dell'A18 in direzione Rosolini

StoriaModifica

Il primo progetto fu redatto verso la fine degli anni sessanta prevedendo un collegamento autostradale tra Siracusa e Gela per favorire lo sviluppo industriale della Sicilia sud orientale stabilendo un rapido collegamento tra i poli petrolchimici di Siracusa e di Gela. Nel 1983 fu aperto al traffico veicolare un primo segmento di autostrada (Siracusa-Cassibile) lungo 9,5 km. Alla fine degli anni novanta si tornò a parlare dell'autostrada in seguito ad un parere interlocutorio espresso dalla Soprintendenza di Ragusa nel 1998. Ci si rese conto che il progetto prevedeva di passare da aree che tra il 1985 e 1990 erano state messe sotto vincoli ambientali (Cava d'Ispica, Riserva naturale Macchia Foresta del Fiume Irminio, Riserva naturale orientata Pino d'Aleppo) costringendo gli enti incaricati a riprogettare il percorso. Verso la fine del 2002 iniziarono i lavori per il secondo tronco di 30 km circa (Cassibile-Rosolini) che durarono 6 anni. Il tratto Cassibile-Noto (14 km circa), è stato aperto il 14 marzo 2008. Un ulteriore tratto, da Noto a Rosolini (16 km circa), è stato sequestrato dalla procura di Siracusa per cedimenti anomali pericolosi e una fessura di circa venti centimetri, ma poi aperto il 24 ottobre 2008. L'11 agosto 2010 sono iniziati i lavori per la costruzione dello svincolo autostradale di Siracusa sud, all'altezza con la SP 14 Fusco-Canicattini-Passoladro nota anche come strada provinciale Maremonti per Canicattini Bagni. Detto svincolo è stato aperto il 29 luglio 2015, venendo rinominato Canicattini Bagni.

L'autostrada oggiModifica

 
L'A18 nei pressi di Noto

Il tratto di autostrada in esercizio va da Siracusa a Rosolini e si estende per 40 chilometri. Ha inizio nei pressi di Siracusa con l'innesto sul tratto con caratteristiche autostradali della strada statale 114 Orientale Sicula e ha termine in prossimità dell'abitato di Rosolini, lungo la strada statale 115 Sud Occidentale Sicula.

Tabella percorsoModifica

Su sfondo grigio il tratto in costruzione, su sfondo rosso quello in progetto[4]

 
SIRACUSA - GELA
(tratto in esercizio Siracusa - Rosolini)
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia Strada europea
      Orientale Sicula 0,0 40,0 SR  
  Canicattini Bagni 0,1 39,9
  Cassibile 9,5 32,4
  Barriera di Cassibile 9,6 32,3
  Avola 14,7 26,2
  Noto 24,6 15,4
  Area di servizio "Tellaro" (in progetto) 36,8 3,1
  Rosolini
    per Pachino
  Sud Occidentale Sicula
40,0 0,0
  fine autostrada in esercizio
     Area di parcheggio "Ispica" (in costruzione) 45,0 87,2 RG
    Ispica - Pozzallo (in costruzione)
  Traghetti per Malta    
49,5 82,7
    Modica (in costruzione) 60,9 71,3
  Scicli (in progetto) 70,5 61,7 RG
  Area di servizio "Irminio"(in progetto) 81,0 51,2
  Ragusa (in progetto) 84,4 47,8
  Santa Croce Camerina - Vittoria sud (in progetto) 93,8 38,4
  Vittoria nord - Comiso (in progetto) 106,7 25,5
  Area di servizio "Acate nord" (in progetto) 118,0 14,2
  Acate (in progetto) 120,6 11,6
  Barriera di Gela est (in progetto) 132,2 0,0 CL
  Gela

Lavori e progettiModifica

A differenza del primo tronco dell'autostrada (Siracusa-Rosolini, lotti 1-5), che ha seguito il tracciato originario approvato dal Ministero nel 1974, il progetto per il secondo tronco (Rosolini-Ragusa, lotti 6-11) e per il terzo tronco (Ragusa-Gela, lotti 12-16) risulta significativamente modificato in modo da evitare aree archeologiche e naturalistiche. Il nuovo progetto prevede per i due tronchi una lunghezza di 90 km, 1 area di parcheggio (Ispica al km 45), 8 stazioni e 2 aree di servizio (Irminio al km 81 e Acate nord al km 118).

  • Nel novembre del 2014 sono iniziati i lavori dei lotti 6, 7 ed 8 che interessano il tratto da Rosolini a Modica (19,5 km), passando per Ispica e Pozzallo. I lavori dovrebbero terminare nel 2019.[5]
  • Il tratto rimanente dell'autostrada, da Modica a Gela, è allo stato di progetto.

Superata Modica il progetto prevede l'allontanamento del tracciato dall'attuale principale direttrice di traffico, la strada statale 115, indirizzandosi verso sud e lambendo l'altopiano ibleo passando per Scicli, Marina di Ragusa, Santa Croce Camerina e Comiso. Tale percorso manterrebbe l'autostrada a quote altimetriche costanti, ma non si destinerebbe ai collegamenti tra i principali centri della provincia di Ragusa (Vittoria, Ragusa, Modica) privilegiando invece i collegamenti commerciali da e per l'autoporto di Vittoria (di realizzazione futura), l'aeroporto di Comiso ed il porto di Pozzallo. Nel tratto finale (Vittoria-Gela) l'autostrada si svilupperebbe a sud dell'attuale, tortuoso, tracciato della vecchia statale per innestarsi nella futura circonvallazione gelese.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica