Basilio Kosoy

Basilio Kosoy
Frescos in Cathedral of the Archangel in Moscow - west wall 01 - Vasily Kosoy.jpg
Basilio Kosoy, affresco nella Cattedrale dell'Arcangelo Michele di Mosca (1666)
Gran Principe di Mosca
In carica 1434 – 1435
Predecessore Jurij Dmitriyevitch
Successore Basilio II di Russia
Nascita 1421
Morte Mosca, 1448
Sepoltura Cattedrale dell'Arcangelo Michele di Mosca

Basilio Kosoy (1421Mosca, 1448) è stato un principe russo.

BiografiaModifica

Era figlio di Jurij Dmitriyevitch e di Anastasia di Smolensk. Suo nonno fu Demetrio di Russia, che istituì il passaggio ereditario della corona superando la legge secondo la quale il suo figlio primogenito Basilio I di Russia, dopo la sua morte, diventerà Gran Principe e in seconda linea il figlio più giovane di Donskoy, Jurij Dmitrievich. Dopo essere salito al potere, lo zio Basilio I cambiò questa legge in modo che i sui figli divenissero eredi della corona invece del padre di Kosoy. Questa decisione portò alle due guerre civili fra la veccia e la giovane linea ereditaria di Dmitry Donskoy.

All'inizio Yury Dmitrievich accettò il governo della reggenza di Basilio II, ma quando il governatore divenne anziano, nel 1433 egli diede inizio alla rivolta. Jurij Dmitrievich sconfisse le truppe di Basilio II e si autoproclamò Gran Principe di Mosca. Poco dopo questa vittoria, egli morì nel 1434 e Basilio Kosoy divenne Gran Principe. Il cambio di governo provocò la rivolta di Dmitry Shemyaka che si rifiutò di accettare il governo del fratello.

Shemyaka unì le sue forze a quelle di Basilio II e sconfisse Basilio Kosoy, che scappò da Mosca nel 1435. La battaglia decisiva di questa guerra civile fu combattuta nel 1435 vicino al villaggio di Skorjatin, nella provincia di Rostov, dove Kosoy fu sconfitto, imprigionato e poco dopo accecato.[1]

Alla morte fu sepolto nella Cattedrale dell'Arcangelo Michele di Mosca.

NoteModifica

  1. ^ (RU) Василий Юрьевич Косой, su hronos.km.ru. URL consultato il 5 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2008).

Altri progettiModifica