Apri il menu principale

Bouleuterion di Olimpia

edificio pubblico di Olimpia
Bouleterion di Olimpia
Olympia - Council house Bouleuterion.jpg
Civiltàantica Grecia
UtilizzoEdificio pubblico
Localizzazione
StatoGrecia Grecia
ComuneOlimpia
Amministrazione
Sito webodysseus.culture.gr
Mappa di localizzazione

Coordinate: 37°38′15″N 21°37′51″E / 37.6375°N 21.630833°E37.6375; 21.630833

Il Bouleuterion di Olimpia si trovava nella zona sud del bosco sacro del santuario di Olimpia, prossimo al Tempio di Zeus Olimpico, anche se separato dal recinto dell'Altis.[1]

L'edificioModifica

È stato edificio di alloggio, sala delle sessioni, per riunioni e ubicazione specifica della boulé, il Senato eleo. A questo Senato o Consiglio veniva attribuita la facoltà di udire e risolvere le denunce presentate contro i giudici e gli atleti per delle irregolarità commesse nello sviluppo dei giochi olimpici, nonché qualsiasi un altro tipo di reclamo urgente e grave in relazione con gli stessi.[1]

Oltre a questa funzione, nel Bouleuterion conservava diverso materiale e utensili sportivi, gli archivi e i registri dove si constavano i risultati delle competizioni.[2]

 
Piano del santuario di Olimpia. Il Bouleterión stava nel nº 31.

Si ignora la data della sua costruzione, è stata stimata una costruzione tra il 668 e il 572 a.C., dovuta alla similarità delle tecniche costruttive con quella dei pisani.[1]

Il complesso architettonico era costituito da due navate absidali di diverse dimensioni (30.79 m dal nord e 30.53 m dal sud), che incorniciava un cortile quadrato di 14,28 m su ciascun lato nel suo spazio interno. Ai due edifici absidiali si accedeva da est.[1]

Durante il periodo ellenistico all'edificio originario venne aggiunto un portico orientale di stile ionico. In epoca romana venne ampliato con un portico in stile dorico in forma di lettera Ρ greca (ro), orientato a est.[2]

Al centro del cortile quadrato, si trovava una base o piedistallo, dove doveva essere eretta la statua di Zeus Horcio ("Zeus vendicatore"), davanti alla quale i partecipanti e i direttori nei giochi prestavano giuramento di fedeltà alle regole sportive.[2] La posizione della statua in questo sito è basata sulla notizia che il giuramento che avveniva davanti alla statua del Bouleuterion doveva essere prestato presso una struttura aperta, secondo l'usanza greca che i giuramenti agli dei dovevano essere fatti all'aperto.[3] Pausania dice della statua che "quella del bouleuterion è di tutte le immagini di Zeus la più appropriata per spaventare gli uomini ingiusti. Il suo nome è Horcio, e ha un fulmine in ogni mano."[4] Descrive quindi in dettaglio l'atto del giuramento.[5] Davanti ai piedi di Zeus Horcio c'era una tavoletta di ottone con un'iscrizione, in versi elegiaci, per infondere paura a coloro che facevano falsi giuramenti.[6]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Durantez, p.117
  2. ^ a b c Durantez, p.118
  3. ^ Drees, Ludwig (1968). Olympia. Gods, artists and athletes. Londra: Pall Mall Press. p. 128. ISBN 0269670157.
  4. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, V, 24, 9.
  5. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, V, 24, 9-10.
  6. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, V, 24, 11.

BibliografiaModifica

  • Durantez, Conrado (1975). Olimpia y los juegos olímpicos antiguos I. Pamplona: Delegación Nacional de Educación Física y Deportes. Comité Olímpico Español. ISBN 84-400-9015-3.

Altri progettiModifica