Cappelle (album)

album degli Squallor del 1978
Cappelle
ArtistaSquallor
Tipo albumStudio
Pubblicazione1978
Dischi1
Tracce10
GenereMusica demenziale
EtichettaCGD
Squallor - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1980)

Cappelle è un album del gruppo musicale degli Squallor, pubblicato nel 1978.

DescrizioneModifica

Dopo il successo di Pompa (1977), nel 1978 il gruppo pubblica Cappelle, la cui copertina mostra una donna nell'atto di mordere - in maniera ambigua - un'Amanita muscaria, noto fungo velenoso. Avvolto nell'usuale e dissacrante prosa che ha contraddistinto il gruppo, il disco, presenta ben dieci nuovi pezzi. Le tematiche toccate nell'album sono diverse: dalla derisione dei miracoli e delle credenze popolari (Si Loca) alle provocazioni in chiave omosessuale (Radio Cappelle), passando per aneddoti erotici e divagazioni colme di humor e nonsense (D'Annunziata). Prosegue inoltre la saga di Pierpaolo, personaggio fittizio introdotto nell'album Pompa con la canzone Famiglia Cristiana. Concerto all'aperto, traccia che apre l'album come una introduzione, descrive un surreale concerto durante un diluvio e cita il SIFAR servizio segreto dell'epoca. Degna di nota è Confucio, in cui, durante un comizio politico nel quale vengono citati fatti e nomi dell'italia di allora, accade di tutto: un bambino si perde e viene ritrovato sotto un giornale e soprattutto insulti diretti all'oratore. In Torna Pierpaolo il bambino ricattatore continua a tenere sotto scacco il padre miliardario, chiedendogli di inviare cospicue somme di denaro per i propri assurdi vizi.

TracceModifica

  1. Concerto all'aperto
  2. Radiocappelle
  3. L'Americano
  4. Dannunziata
  5. Si loca
  6. Torna Pierpaolo
  7. Uh'anema
  8. Disastro
  9. Confucio
  10. Crosta Center Hospital

FormazioneModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica