Carlo Claudio Camillo Guarmani

viaggiatore italiano

Carlo Claudio Camillo Guarmani (Livorno, 11 novembre 1828[1]Genova, 23 ottobre 1884[1]) è stato un grande esperto di cavalli e appassionato viaggiatore italiano.

Grazie alla sua esperienza acquisita nel percorrere i Paesi arabi e al fatto che parlava bene la lingua araba, fu incaricato nel settembre del 1863 dal gen. Fleury, aiutante di campo di Napoleone III e direttore generale degli Allevamenti Equini Imperiali, e poco dopo da Vittorio Emanuele II di procacciare destrieri purosangue arabi per le cavallerie dei rispettivi eserciti.

A tal fine si recò in varie parti del mondo arabo e, in particolare, nel Najd, dopo aver toccato altre località della Penisola arabica, fra cui Taymāʾ e Ḥāʾil, che egli descrisse nel libro Itinéraire de Jérusalem au Neged septentrional del 1865 (versione inglese Northern Najd. A Journey from Jerusalem to Anaiza in Qasim, 1938).

Guarmani fu autore anche di altre pubblicazioni, fra cui forse il più noto fu Al Kamsa: il cavallo arabo puro sangue: studio di 16 anni in Siria, Palestina, Egitto e nei deserti dell'Arabia (versione inglese The Pure-Bred Arabian Horse, edited with a new Introduction by Angelo Pesce, translated from the Italian by Philip Ward, Immel Publishing, Gedda, Arabia Saudita).

NoteModifica

  1. ^ a b Guarmani, Carlo Claudio Camillo, su treccani.it. URL consultato il 20 luglio 2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12607638 · ISNI (EN0000 0001 0871 1542 · CERL cnp01279457 · LCCN (ENno2012063053 · GND (DE143230654 · BNE (ESXX1291736 (data) · BNF (FRcb153421259 (data) · J9U (ENHE987007262132405171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2012063053
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie