Apri il menu principale

Carlo Fornara (Prestinone, 21 ottobre 1871Prestinone, 15 settembre 1968) è stato un pittore italiano, legato alla corrente pittorica del primo 900 italiano, nota come divisionismo.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Prestinone nel 1871 in una umile famiglia di contadini della Val Vigezzo, mostrò il suo talento dopo aver iniziato a frequentare i corsi di pittura, disegno e ornato presso la locale scuola d'arte Rossetti Valentini[1] di Santa Maria Maggiore – dove strinse forti rapporti di amicizia con altri futuri pittori come Giovanni Battista Ciolina, Gian Maria Rastellini e Lorenzo Peretti Junior – seguendo gli insegnamenti di Enrico Cavalli, grande conoscitore dell'arte francese di quell'epoca, il quale lo influenzò in maniera decisiva affinché seguisse la via della pittura.

 
Carlo Fornara, Midi d'hiver

Nella primavera del 1891 espose due opere La bottega del calderaio ed espose Ricordanze alla Prima Triennale di Brera,[2] occasione fondamentale, perché lo mise in contatto per la prima volta con le istanze divisioniste. Durante il suo soggiorno a Lione, tra il 1894 ed il 1895, in compagnia dell'amico e collega Ciolina, Fornara si avvicina alla corrente pittorica del neoimpressionismo, che si manifesta nell'opera En plen air, che venne tuttavia rifiutata nel 1897 dalla terza Biennale di Brera, nonostante fosse giudicata molto positivamente da alcuni artisti, tra cui Giuseppe Pellizza da Volpedo e Giovanni Segantini, due dei maggiori esponenti della corrente divisionista.

Nel 1899 partecipò alla III Esposizione internazionale d'arte di Venezia.

Entrato in contatto con Alberto Grubicy de Dragon, titolare della Galleria Grubicy e fratello del promotore del divisionismo a livello europeo, il mercante d'arte e pittore lui stesso Vittore Grubicy de Dragon, fu molto apprezzato da entrambi e messo in contatto con Segantini, che volle il giovane artista come suo assistente, per l'Esposizione di Parigi del 1900.

Grazie al patrocinio dei Grubicy, Fornara fu presente ad esposizioni pittoriche nazionali ed internazionali di una certa rilevanza di quegli anni; ma l'adesione alla scuola divisionista iniziò gradatamente ad indebolirsi, fino a scemare del tutto intorno agli anni venti, quando l'artista iniziò una sua ricerca pittorica con uno stile del tutto personale. A partire dal 1922 si ritirò definitivamente nella sua amata Val Vigezzo dove morì nel 1968.

MostreModifica

  • Una scuola di pittura in Val Vigezzo: 1881-1919: Torino/Novara, 1990
  • Carlo Fornara. Un maestro del divisionismo: Trento, 1998
  • Carlo Fornara. Il colore della valle: Acqui Terme, 2007
  • Paesaggi dell'Ottocento. Verso la luce[3]: Riva del Garda, 2010
  • Le soglie della natura: Arco di Trento, 2010
  • Alessandro Poscio, collezionista appassionato: Domodossola, 2014
  • Carlo Fornara e il ritratto vigezzino[4]: Domodossola, 2015
  • Brera 1891. L’esposizione che rivoluzionò l’arte moderna: Milano, 2016

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • "Carlo Fornara", Raffaele Calzini, ed. Pizzi, Milano, 1949
  • "Carlo Fornara nel centenario della sua nascita", n. 3 rivista "Oscellana",[1] Domodossola, 1971
  • "Carlo Fornara pittore", Marco Valsecchi/Franco Vercelotti, ed. All'insegna del pesce d'oro, Milano, 1971
  • "Enrico Cavalli e la pittura vigezzina", Guido Cesura, ed. Colombi, Pero, 1974
  • "Scuola di belle arti Rossetti Valentini in Santa Maria Maggiore. Vicende e contributi alla pittura vigezzina nel centenario della fondazione", Davide Ramoni, tip. S. Gaudenzio, Novara, 1978
  • "Una scuola di pittura in Val Vigezzo: 1881-1919. Carlo Giuseppe ed Enrico Cavalli, Giovanni Battista Ciolina, Carlo Fornara", Dario Gnemmi, Marco Rosci, Enzo De Paoli, Anna Gelli, Gianni Pizzigoni, ed. Il Quadrante, Torino, 1990
  • "Enrico Cavalli pittore", Guido Cesura, ed. Grossi, Domodossola, 1993
  • "Carlo Fornara. Un maestro del Divisionismo", Annie-Paule Quinsac, ed. Skira, Milano, 1998
  • "La scuola di belle arti Rossetti Valentini in Santa Maria Maggiore", Francesco Ferrari, ed. Grossi, Domodossola, 1999
  • "Monticelli e la scuola di Enrico Cavalli", Dario Gnemmi, ed. Madame Webb, Domodossola, 2006
  • "Vigezzini di Francia. Pittura d'alpe e d'Oltralpe tra Otto e Novecento in Valle Vigezzo", Dario Gnemmi, ed. Skira, Milano, 2007
  • "Paesaggi dell'Ottocento. Verso la luce", Giovanna Nicoletti, ed. Temi, Trento, 2009
  • "Carlo Fornara attraverso le lettere ad Amedeo Catapano", Davide Brullo. Marietti 1820, Bologna, 2010
  • "Le soglie della natura", Giovanna Nicoletti/Dario Gnemmi, ed. Grafica 5, Arco di Trento, 2010
  • "Appassionata incompetenza. I primi cinquant'anni della collezione Poscio", Davide Brullo, ed. Madame Webb, Domodossola, 2011

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN30346032 · ISNI (EN0000 0000 8214 3670 · SBN IT\ICCU\RAVV\033031 · LCCN (ENn95121069 · GND (DE119406608 · BNF (FRcb12379722t (data) · ULAN (EN500013414