Apri il menu principale

Carlo Truzzi

Sacerdote italiano

Carlo Truzzi (Moglia, 28 giugno 1941) è un presbitero, insegnante e scrittore italiano. È studioso di patristica. Le sue opere su Zeno di Verona, Gaudenzio di Brescia e Cromazio d'Aquileia sono presenti in numerose biblioteche a livello internazionale.

BiografiaModifica

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

Entra nel seminario minore della Diocesi di Carpi e nel 1964[1] è ordinato presbitero dal vescovo Artemio Prati per la diocesi di Carpi. Ha perfezionato i suoi studi presso la Pontificia Facoltà teologica Milanese (ora Facoltà teologica dell'Italia settentrionale) a Venegono Inferiore, conseguendo la laurea in teologia nel 1975[1] con tesi sui santi Gaudenzio, Zeno e Cromazio, pubblicata dieci anni più tardi[2] ed il dottorato nel 1985[3].

InsegnamentoModifica

Dal 1973 al 2011 ha insegnato teologia fondamentale e patristica presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Reggio Emilia[4]. Ha insegnato patristica presso lo Studio Provinciale dei Dehoniani a Bologna e presso lo Studio Teologico Accademico Bolognese dal 1990 al 1997.

Incarichi pastoraliModifica

È stato parroco di Mirandola dal 1998 al 2016[5][6]. Durante il terremoto del 2012 ha rischiato di rimanere sotto le macerie del duomo di Santa Maria Maggiore[7][8][9][10]. Negli anni seguenti, si è occupato delle attività necessarie a ripristinare sia le opere[11][12]che le attività della comunità parrocchiale. Il sisma ha causato anche impatti sulla stesura di una delle sue opere, per la quale ha dovuto attendere alcuni anni che venisse recuperata dalle macerie, prima di poter procedere alla pubblicazione[13]. Dal 2016 è parroco di Cortile di Carpi[14]. Ha ricoperto per tre mandati l'incarico di consigliere nel direttivo della Conferenza Italiana degli Istituti Secolari. Per diciotto anni è stato consigliere dell'Istituto Secolare dei Sacerdoti Missionari della Regalità di Cristo.

Attività di ricercaModifica

Si è appassionato allo studio della patristica dopo aver letto un volume dell’800 con le opere di San Zeno di Verona, un vescovo vissuto nel IV secolo[1]. Successivamente ha scritto vari testi sui padri della Chiesa[1], in particolare Zeno di Verona, Gaudenzio di Brescia e Cromazio d'Aquileia.

Grazie alla ricerca ed analisi di testi antichi, in particolare del IV secolo, ha contribuito ad arricchire le prove documentali, senza le quali "non è possibile scrivere storia" (Momigliano)[15], su cui si sono basati vari approfondimenti successivi[16] . Gli studi sugli scritti di San Zeno hanno contribuito alla verifica della datazione del periodo in cui il Santo era vissuto, verificando le ipotesi che erano state fatte nel 1904 e 1940, portando la probabilità agli anni 360-380[17]. Secondo i suoi studi è possibile datare l'attività episcopale di Gaudenzio di Brescia tra il 390 ed il 410 e di Cromazio d'Aquileia tra il 390 ed il 408[18]. La riscoperta e la trattazione degli scritti di Cromazio di Aquileia, rimasti per secoli quasi del tutto sconosciuti, ha rinvigorito il culto di tale santo[19]. L'analisi dei sermoni di Cromazio ha inoltre fornito elementi per l’analisi storica, architettonica e archeoastronomica delle architetture sacre ed in particolare per lo studio dell'usanza di allineare le chiese in base alla posizione del sole.[20]. Ha analizzato in particolare la cristologia di Zeno e il suo insegnamento sulla verginità di Maria. Ha cercato di spiegare la strana serie dei discorsi brevi e molto simili del vescovo veronese. Ha scoperto quattro nuovi manoscritti del Tractatus XX di Gaudenzio di Brescia. In Pietro Crisologo ha evidenziato particolari apporti liturgici[21].

Ha dedicato attenzione alla teologia degli Istituti Secolari, una recente esperienza cattolica che unisce i voti di povertà, castità e obbedienza alla vita normale di laici e preti, che vivono in mezzo ai loro colleghi senza alcuna distinzione esteriore.

È membro dell’A.I.E.P. (Associazione Internazionale di Studi Patristici)[22] e dell'Associazione Teologica Italiana[23].

OpereModifica

  • Carlo Truzzi, La liturgia di Verona al tempo di san Zeno (ca. 360-380): riti, usanze, teologia, Studia Patavina, 1980.
  • Carlo Truzzi, Zeno, Gaudenzio e Cromazio: testi e contenuti della predicazione cristiana per le chiese di Verona, Brescia e Aquileia (360-410 ca.), Paideia, 1985, ISBN 88-394-0357-4.
  • Carlo Truzzi, L'ordinazione episcopale di Cromazio d'Aquileia nel suo contesto storico-culturale, in Chromatius Episcopus 388-1988, Antichità Altoadriatiche, vol. 34, Arti Grafiche Friulane, 1989, pp. 27-44.
  • Carlo Truzzi, I sermoni. San Gaudenzio, Città Nuova, ISBN 88-311-3129-X, OCLC 797736232.
  • Carlo Truzzi, Etica dei rapporti con il divino : pagani e cristiani nella seconda metà del lV secolo, in Henry Chadwich (a cura di), L'etica cristiana nei secoli lll e lV : eredità e confronti : XXlV Incontro di studiosi dell'antichità cristiana (Roma, 4 - 6 maggio 1995), Inst. Patristicum Augustinianum.
  • Pietro Crisologo, Introduzione, cap II (Notizie biografiche), cap III (Le opere di Pietro Crisologo), in Gabriele Banterle, Ruggero Benericetti, Giacomo Biffi, Giuseppe Scimè e Carlo Truzzi (a cura di), Sermoni (1-62), Biblioteca Ambrosiana, Città nuova, pp. 20-37, ISBN 978-88-311-9194-4, OCLC 39339228.
  • Pietro Crisologo, Note, in Gabriele Banterle, Ruggero Benericetti, Giacomo Biffi, Giuseppe Scimè e Carlo Truzzi (a cura di), Sermoni (63-124), Biblioteca Ambrosiana, ISBN 978-88-311-9193-7, OCLC 36719216.
  • Pietro Crisologo, Introduzione,traduzione e note alla Lettera a Eutiche, in Gabriele Banterle, Ruggero Benericetti, Giacomo Biffi, Giuseppe Scimè e Carlo Truzzi (a cura di), Sermoni (125-179), Biblioteca Ambrosiana, pp. 335-343, ISBN 978-88-311-9192-0, OCLC 797792124.
  • Carlo Truzzi, Linguaggio catechetico e proposta di vita cristiana nei sermoni "De Sanctis" di Pietro Crisologo, in Ermenegildo Manicardi (a cura di), Liturgia ed evangelizzazione nell'epoca dei padri e nella Chiesa del Vaticano II: studi in onore di Enzo Lodi, EDB, ISBN 978-88-10-40937-4, OCLC 51088222.
  • Carlo Truzzi (a cura di), Discorso funebre in onore di san Cesario di Nazianzo, medico, AGE, 1998, OCLC 860602697.
  • Carlo Truzzi, Zeno di Verona: la vita e gli scritti di un Santo Patrono, in Annuario storico zenoniano 2002, 2002, OCLC 886964876.
  • Carlo Truzzi, Zeno di Verona e l'evangelizzazione dell'Italia settentrionale nel IV secolo, in Annuario storico zenoniano 2012. Numero speciale per il 1650esimo anniversario dell'elezione di S. Zeno a vescovo di Verona, 2012, pp. 13-19.

NoteModifica

  1. ^ a b c d > Il Signore è fedele - Cinquant’anni di ministero per don Carlo Truzzi tra vita pastorale, attività di ricerca e insegnamento (PDF), in Notizie, p. 19. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  2. ^ (EN) Elenco Tesi Dottorato - Facoltà Teologica dell`Italia Settentrionale, su diazilla.com, p. 5. URL consultato il 7 marzo 2018.
  3. ^ Enrico Cattaneo, Diego Coletti, Maurilio Guasco, Fabio Marini, Carlo Truzzi e Francesco Zenna, Preti cittadini del mondo: la secolarità dei presbiteri, a cura di Francesco Zenna, Paoline, 2004, ISBN 88-315-2667-7.
  4. ^ Studio Teologico Interdiocesano - N. 1 - Gennaio 2011, su www.reggioemilia.chiesacattolica.it. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  5. ^ Don Carlo resti parroco, in L'Indicatore mirandolese, 1º febbraio 2016, p. 7.
  6. ^ Mirandola saluta Don Carlo dopo 18 anni, in 2016.
  7. ^ Sono salvo per miracolo: tutto è crollato dietro le mie spalle, in Gazzetta di Modena, 21 maggio 2012.
  8. ^ Chiese, l'allarme dei parroci - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  9. ^ Il campanile si può salvare, ma fate presto, in Il Resto del Carlino, 14 giugno 2012.
  10. ^ (DE) Emilia Romagna: "L'Aquila ist das Negativbeispiel", in Die Zeit, 21 agosto 2012. URL consultato il 26 settembre 2017.
  11. ^ Dopo il terremoto un segno di solidarietà concreta (PDF), in L'Osservatore Romano, 6 luglio 2013.
  12. ^ Torna a suonare il primo organo restaurato, in L'indicatore mirandolese, 22 dicembre 2014.
  13. ^ Il libro che Don Truzzi ha estratto dalle rovine, in La Voce di Carpi, 17 dicembre 2015.
  14. ^ Ricambio parroci don Truzzi a Cortile, in La Voce di Carpi, 13 luglio 2016.
  15. ^ Giuliano Crifò, Sul Carattere Cristiano della Legislazione Costantiniana, in Anabases, nº 12, Editions de Boccard, 2010, pp. 119-125.
  16. ^ (LA) Michał Sołomieniuk, Zeno Veronensis quid de resurrectione senserit, in Biblica et Patristica Thoruniensia, vol. 8, nº 1, 10 maggio 2015, pp. 47–63, DOI:10.12775/BPTh.2015.004. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  17. ^ Gordon Jeanes, EARLY LATIN PARALLELS TO THE ROMAN CANON? POSSIBLE REFERENCES TO A EUCHARISTIC PRAYER IN ZENO OF VERONA, in The Journal of Theological Studies, vol. 37, nº 2, 1986, pp. 427-431lingua=inglese.
  18. ^ Massimo di Torino, Sermoni liturgici, a cura di Milena Mariani Puerari, Paoline, 1999, ISBN 978-88-315-1685-3, OCLC 43696714.
  19. ^ San Cromazio d'Aquileia su santiebeati.it, su Santiebeati.it. URL consultato il 23 novembre 2017.
  20. ^ Eva Spinazzè, La luce nell'architettura sacra dal X al XII secolo dalla Romandie alla Toscana, Università di Venezia, 2015.
  21. ^ Vittorino Grossi, Recensione di Pietro Crisologo, in Rivista di Teologia dell’Evangelizzazione, vol. 1, 1997, pp. 121-124. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  22. ^ (EN) admin, The Bulletin, su www.aiep-iaps.org, 16 settembre 2013. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  23. ^ Administrator, Elenco dei Soci, su www.teologia.it. URL consultato il 10 aprile 2018.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34479895 · ISNI (EN0000 0000 2473 9919 · LCCN (ENn85341806 · BNF (FRcb12070381j (data) · WorldCat Identities (ENn85-341806