Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Catolicosato d'Armenia e di tutti gli Armeni" rimanda qui. Se stai cercando un altro genere di informazioni sulla principale Chiesa armena, vedi Chiesa apostolica armena.

Il catholicos d'Armenia e di tutti gli armeni (plurale catholicoi per l'origine greca del termine) è il primate della Chiesa apostolica armena; una delle Chiese ortodosse orientali che non riconoscono le decisioni del concilio di Calcedonia del 451, nonché chiesa nazionale e religione di Stato armena.
È sia un'autorità spirituale, cui spetta il "titolo di vicario di Cristo in terra", che un'autorità temporale nell'ambito della propria chiesa.

Il primo catholicos d'Armenia e di tutti gli armeni fu san Gregorio Illuminatore. Furono gli apostoli san Taddeo e san Bartolomeo che portarono il cristianesimo in Armenia nel I secolo. Prima ancora di san Costantino I il Grande (272-337), l'Armenia fu il primo Paese al mondo a garantire la libertà di culto ai cristiani e a costituire il cristianesimo come religione dell'impero locale[1][2].

Il catholicos d'Armenia è chiamato anche il "catholicos di Echmiadzin" dalla città che ne è la sede. Si trova situata non distante da Vagharshapat, fondata nel 301. Il titolo di 'catholicòs è stato introdotto a partire dal VI secolo, in preferenza di quello di "arcivescovo" o "sommo pontefice", in modo particolare in occasione delle consacrazioni episcopali[3].
L'attuale capo della Chiesa apostolica armena è Karekin II.

NoteModifica

  1. ^ Cyril Toumanoff, Studies in Christian Caucasian History, Georgetown University Press, 1967, pp. 83-84; 377.
  2. ^ John Binns, An Introduction to the Christian Orthodox Churches, Cambridge, Cambridge University Press, 2002, p. 30, ISBN 0-521-66738-0.
  3. ^ Gérard Dédéyan (dir.), Histoire du peuple arménien, Privat, Toulouse, 2007, p. 167 ISBN 978-2-7089-6874-5.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh98000080