Apri il menu principale

Centrale termoelettrica di Torrevaldaliga Nord

impianto di produzione termoelettrica

Coordinate: 42°07′43.88″N 11°45′24.07″E / 42.128856°N 11.756686°E42.128856; 11.756686

L’impianto della centrale visto dal parcheggio interno

La centrale ENEL di Torrevaldaliga Nord è una centrale termoelettrica a carbone con una capacità totale di 1980 MW installati. Si trova presso la località TorreValdaliga, nel comune di Civitavecchia. Dal 2003, anno di avvio dei lavori di riconversione, è andata a sostituire il vecchio impianto che prevedeva una centrale termoelettrica ad olio combustibile da 4 gruppi con una capacità totale di 2640 MW.

ComposizioneModifica

La centrale è formata da tre sezioni funzionanti a vapore, prodotto dalla combustione in caldaie ultrasupercritiche di polverino di carbone (fonte Enel – Dichiarazione Ambientale 2005-2007) con una capacità di 660 MW cadauna. Attualmente, dopo il rinnovo dell'Autorizzazione Integrata Ambientale avvenuto il 05.04.2013, la centrale di Torrevaldaliga Nord funziona per 7500 ore l'anno, brucia 4,5 milioni di tonnellate/anno di carbone e 150.000.000 Sm3 di gas naturale (per le fasi di avviamento) (fonte Dec.Min.114 del 05.04.2013), producendo, quali scarti di processo, 450.000 t/a di ceneri, 250.000 t/a di gesso e 5.000 t/a di fanghi di trattamento (fonte Enel – Domanda di AIA - Relazione tecnica dei processi produttivi).

La sezione di trattamento fumi è composta da:

che servono per realizzare l'abbattimento delle polveri (potere filtrante dichiarato del 99,9%).

Nel rapporto del 2013 sui grandi inquinatori 2012, redatto da Greenpeace, l'impianto è stato classificato al secondo posto in Italia in termini di emissioni di CO2, emettendone ogni anno circa 10.730.000 tonnellate (Fonte Dec. Via 680/2003).

Per lo stoccaggio del carbone presso la centrale sono stati realizzati 2 carbonili a cupola (pianta circolare di circa 140 m di diametro e altezza di circa 40 m) da circa 138.000 t ciascuno, che assicurano alla centrale un'autonomia di circa 18 giorni nelle condizioni di massimo carico.

Le cupole hanno una struttura portante in alluminio e copertura con pannelli di alluminio.

Fra il cordolo e l'inizio della copertura sono state realizzate le aperture, per assicurare un adeguato ricambio di aria. È inoltre prevista una apertura continua alla base della cupola di altezza di circa 2 m, tale da garantire una superficie di immissione area pari a circa 900 m2. (fonte Enel – Domanda di AIA - Relazione tecnica dei processi produttivi).

La centrale è entrata in esercizio nel 2008 ed è andata a pieno regime nel 2010.

CiminieraModifica

I gas combusti sono espulsi in atmosfera attraverso una ciminiera multiflusso di 250 metri d'altezza composta da tre canne metalliche (una per ogni sezione) aventi ciascuna diametro interno all'uscita di 5,7 m (fonte Enel – Domanda di AIA - Relazione tecnica dei processi produttivi), in modo da disperdere le particelle inquinanti negli strati più alti dell'atmosfera e diluirle su una porzione più ampia di territorio.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica