Apri il menu principale
Chevron B16
Chevron B16 - 001.jpg
La Chevron B16
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Chevron Cars
Categoria Campionato Europeo vetture 2 litri
Classe Sport-prototipo
Progettata da Derek Bennett
Sostituisce Chevron B8
Sostituita da Chevron B19
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca tubolare in configurazione spaceframe
Motore Ford Cosworth FVC
Trasmissione Hewland FT200 manuale a cinque marce
Dimensioni e pesi
Lunghezza 3937 mm
Larghezza 1778 mm
Altezza 940 mm
Passo 2362 mm
Peso 590 kg
Risultati sportivi
Debutto 500 km del Nürburgring 1969
Piloti Brian Redman
Palmares
Campionati costruttori 1

La Chevron B16 è una vettura da competizione realizzata dalla casa britannica Chevron nel 1969.

Indice

SviluppoModifica

La vettura venne sviluppata dal team inglese per competere nel campionato europeo riservato alle vetture da corsa dotate di un propulsore 2 litri.

TecnicaModifica

Come propulsore il mezzo venne dotato di un Ford Cosworth FVC dalla potenza di 235 cv gestito da un cambio manuale Hewland FT200 a cinque marce, mentre il telaio era del tipo tubolare in configurazione spaceframe rinforzato con pannelli di duralluminio avvolto da una carrozzeria in fibra di vetro. Il design della carrozzeria venne curato da Jim Clark. Le sospensioni anteriori erano composte da doppi bracci trasversali, molle elicoidali coassiali con gli ammortizzatori e barre stabilizzatrici, mentre al posteriori erano composti da bracci trasversali invertiti, molle elicoidali, ammortizzatori e barra stabilizzatrice. L'impianto frenante era costituito da quattro freni a disco.

Attività sportivaModifica

La prima corsa in cui la B16 venne schierata fu la 500 km del Nürburgring del 1969, dove il pilota Brian Redman ottenne la vittoria assoluta. Grazie anche ad altre vittorie, la squadra inglese ottenne la vittoria nel campionato costruttori.[1]

NoteModifica

  1. ^ Chevron B16 Cosworth, su ultimatecarpage.com. URL consultato il 13 luglio 2014.

Altri progettiModifica

  Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport