Apri il menu principale

Chiesa di San Giovanni Decollato (Roma)

edificio religioso di Roma
Chiesa di San Giovanni Decollato
San giovanni decollato, facciata 01.JPG
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma-Stemma.pngRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Diocesi Roma
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1504
Completamento1588
Sito web

Coordinate: 41°53′23.53″N 12°28′54.3″E / 41.88987°N 12.48175°E41.88987; 12.48175

La chiesa di San Giovanni Decollato, è un luogo di culto cattolico di Roma, situato nel rione Ripa, nella via omonima.

Storia e descrizioneModifica

La chiesa attuale sorge sull'area di un'antica chiesa, Santa Maria de fovea (o della fossa o in petrocia). Essa fu concessa nel 1488 all'Arciconfraternita di San Giovanni decollato, di origine fiorentina, che la fece ricostruire nel 1504. Altri restauri furono eseguiti nel 1727 e nel 1888.

Scopo dell'Arciconfraternita era di assistere i condannati a morte, invitarli al pentimento, confortarli sino all'estremo, e seppellirne i cadaveri; essi ridedicarono la chiesa a San Giovanni Battista, patrono di Firenze, ed elessero come festa principale il giorno dedicato alla sua decollazione e morte. La chiesa fu ultimata nel 1588; nel 1600 Clemente VIII ne fece costruire il chiostro, nel quale sono ancora visibili le fosse comuni dei condannati a morte qui sepolti. Esse sono coperte da chiusini in marmo sui quali è scritto: “Domine, cum veneris iudicare, noli me condemnare” (Signore, quando verrai a giudicare, non condannarmi) .

La chiesa è a navata unica con tre nicchie per lato, ed è affrescata da artisti toscani del XVI secolo con figure di santi; fra questi, ricordiamo Jacopino del Conte e Francesco Salviati.

Nella camera storica dell'Arciconfraternita sono conservati numerosi cimeli relativi all'attività della medesima: tra le altre cose, il cesto che raccoglieva la testa dei giustiziati, l'inginocchiatoio sul quale Beatrice Cenci recitò l'ultima sua preghiera, le barelle sulle quali i confratelli trasportavano i resti dei condannati a morte.

BibliografiaModifica

  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma, Roma, Newton & Compton Editori, 2000, p. 133, ISBN 978-88-541-1833-1.
  • Alberto Manodori, Rione XII. Ripa, in I rioni e i quartieri di Roma, vol. 2, Roma, Newton & Compton Editori, 2000, pp. 766-830.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Testi online di dominio pubblico:

Controllo di autoritàVIAF (EN292922443 · GND (DE4461212-6 · WorldCat Identities (EN292922443