Apri il menu principale
Coasteering sardegna

Il Coasteering è un'attività sportiva outdoor che consiste nel percorrere la zona intertidale di una costa rocciosa, ovvero la zona del litorale dove mare e roccia si incontrano. La progressione avviene a piedi o a nuoto, senza l'ausilio di imbarcazioni ed il tuffo da altezze considerevoli è uno degli elementi ludici che la caratterizzano. Solo apparentemente il coasteering assomiglia alla pratica del DWS Deep-water soloing dove l'obbiettivo è prevalentemente quello di arrampicare su rocce asciutte, con difficoltà elevate e laddove il tuffo in acqua è solo l'elemento conclusivo della performance in parete.

StoriaModifica

Qualunque essere umano abbia frequentato ed esplorato tratti di costa rocciosa ha in qualche modo praticato del coasteering. Tuttavia il termine “Coasteering” venne utilizzato ufficialmente per la prima volta nel 1973, nel libro “Sea Cliff Climbing” dagli autori John Cleare e Robin Collomb, che scrivevano «alcuni entusiastici appassionati ritengono che il coasteering diventerà popolare e che potrà avere un grande futuro».

Nel 1990 è apparso per la prima volta come attività turistico/ricreativa, con tour guidati lungo le coste gallesi di Pembrokeshire. La pratica del coasteering ha trovato ampia diffusione nel Regno Unito, con particolare concentrazione nelle scogliere della Cornovaglia, Dorset, Pembrokeshire, Anglesey e presso le Highlands e isole della Scozia.

Tour guidatiModifica

Nonostante la pratica del coasteering non presenti rischi oggettivi estremi, è più sicuro affidarsi a guide esperte perché è di importanza fondamentale conoscere il comportamento del mare di un determinato tratto di costa, nonché la profondità dei fondali e le eventuali vie di fuga sia via mare che via terra.

Equipaggiamento necessarioModifica

Parte dei materiali devono essere scelti in base alla stagione ed all'ambiente nel quale si sviluppa l'itinerario scelto. In generale include:

  • Muta in neoprene (lunga o corta in base alla stagione ed alla temperatura dell'acqua)
  • Guanti
  • Casco
  • Scarpe con un buon grip sulle rocce bagnate
  • Giubbotto salvagente

PericoliModifica

A causa delle diverse pratiche coinvolte in questo sport ci sono una serie di pericoli da prendere in considerazione:

  • Rischio d'urto sulle rocce, affioranti e/o subacquee
  • Annegamento
  • Ipotermia

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica