Codeine

gruppo musicale statunitense

I Codeine sono un gruppo rock statunitense formato nel 1989 a New York (ma attivo principalmente a Chicago)[1][2] da Stephen Immerwahr (voce e basso), Chris Brokaw (batteria) e John Engle (chitarra).

Codeine
Paese d'origineBandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
GenereSlowcore
Post-rock
Periodo di attività musicale1989 – 1994
2012 – in attività
EtichettaGlitterhouse Records, Sub Pop
Album pubblicati2
Sito ufficiale

Contemporanei degli Slint, sono stati gli ispiratori dello slowcore, sottogenere rock dove i ritmi sono rallentati all'eccesso.[3][4] Il nome del gruppo si riferisce all'alcaloide del papavero codeina, usato come sedativo della tosse.

Hanno esordito nel 1990 per la Glitterhouse con l'album Frigid Stars (ripubblicato dalla Sub Pop l'anno seguente), considerato il disco-manifesto del genere slowcore.[5][6] Dopo il singolo Realize ed il mini-album Barely Real al quale ha partecipato David Grubbs al piano, il batterista Chris Brokaw lascia il gruppo per formare i Come e viene sostituito da Doug Scharin.

Nel 1994 pubblicano il secondo ed ultimo album The White Birch poco prima dello scioglimento: in questo lavoro le composizioni sono più lunghe ma anche più destrutturate del precedente.

Sharin fonderà prima i Rex, poi gli HiM ed infine i June of 44. Non più attivo come musicista, Stephen Immerwahr ha creato una propria etichetta, la Obscure Origin.

La reunion del 2012

modifica

Nel febbraio del 2012, i Codeine hanno annunciato che si esibiranno il 26 maggio su richiesta dei Mogwai all'I'll Be Your Mirror, festival satellite del All Tomorrow's Parties, data del tour previsto per promuovere la riedizione dei loro lavori dall'etichetta The Numero Group.[7]

Discografia

modifica

Album in studio

modifica

Partecipazioni

modifica
  1. ^ Codeine - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock, su OndaRock. URL consultato l'8 maggio 2016.
  2. ^ The History of Rock Music. Codeine: biography, discography, reviews, links, su scaruffi.com. URL consultato l'8 maggio 2016.
  3. ^ Codeine | Biography & History | AllMusic, su AllMusic. URL consultato l'8 maggio 2016.
  4. ^ scheda, su ondarock.it. URL consultato il 5 agosto 2010.
  5. ^ Codeine - Frigid Stars :: Le pietre miliari di OndaRock, su OndaRock. URL consultato l'8 maggio 2016.
  6. ^ The 10 Best Ever Slow-Core Records, su About.com Entertainment. URL consultato l'8 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2015).
  7. ^ Codeine Announce Reunion Tour | News | Pitchfork

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN124512552 · ISNI (EN0000 0001 0720 3853 · Europeana agent/base/149619 · WorldCat Identities (ENlccn-no98023012