Conte del Cid

Conte del Cid
Stemma
Blasone dei conti del Cid. Esso unisce le armi della Casa de Mendoza e quelle della Casa de la Vega.
Data di creazione1492
Creato daRe Cattolici
Primo detentoreRodrigo Díaz de Vivar
Attuale detentoreÍñigo Antonio de Arteaga y Pascual
TrasmissioneCasato di Mendoza
Arteaga

Conte del Cid è un titolo nobiliare spagnolo creato dai Re Cattolici nel 1492 assieme a quello di marchese del Cenete in favore di Rodrigo Díaz de Vivar y Mendoza, figlio di Pedro González de Mendoza (il celebre Cardinal Mendoza) e di Mencía de Lemos[1].

Il titolo di conte del Cid fu poi riabilitato dal re Alfonso XIII nel 1921 in favore di Joaquín de Arteaga y Echagüe, XVII duca dell'Infantado, che divenne così il XV conte del Cid.

Rodrigo Díaz de VivarModifica

Rodrigo Díaz de Vivar y Mendoza non deve essere confuso con il condottiero spagnolo Rodrigo Díaz de Vivar, noto come "El Cid Campeador".

Conti del CidModifica

Titolare Periodo
Creazione dai Re Cattolici
I Rodrigo Díaz de Vivar y Mendoza 1492-1523
II Mencía de Mendoza y Fonseca 1523-1554
III María de Mendoza y Fonseca 1554-1580
IV Íñigo López de Mendoza 1580-1601
V Ana de Mendoza y de la Vega 1601-1633
VI Catalina de Mendoza y Sandoval 1633-1686
VII Gregorio de Silva y Mendoza 1686-1693
VIII Juan de Dios Silva y Mendoza 1693-1737
IX María Francisca de Silva Hurtado de Mendoza 1737-1770
X Pedro de Alcántara Álvarez de Toledo y Silva Mendoza 1770-1790
XI Pedro de Alcántara Álvarez de Toledo 1790-1841
XII Pedro de Alcántara Téllez-Girón y Beaufort Spontin 1841-1844
XIII Mariano Téllez-Girón 1844-1882
Riabilitazione da Alfonso XIII
XV Joaquín de Arteaga y Echagüe 1921-1947
XVI Jaime de Arteaga y Falguera 1947-1936
XVII Íñigo de Arteaga y Falguera ? -1966
XVIII Carlos de Arteaga y Martín 1966- ?
XIX Íñigo Antonio de Arteaga y Pascual 2000-titolare attuale

Storia dei conti del CidModifica

  1. Si sposò in prime nozze con Leonor de la Cerda (defunta nel 1497).
  2. Si sposò in seconde nozze con María de Fonseca y Toledo. Gli succedette la sua terza figlia:
  • Mencía de Mendoza y Fonseca, II contessa del Cid[2].
  • María de Mendoza, III contessa del Cid.
  1. Si sposò con Diego Hurtado de Mendoza y Aragón, V conte di Saldaña.
  • Gregorio María de Domingo de Silva y Mendoza (1649-1693), conte del Cid, IX duca dell'Infantado, V duca di Pastrana, duca di Lerma, duca di Francavilla, V duca di Estremera, V duca di Cea, principe di Melito, principe di Eboli, marchese di Santillana, marchese del Cenete, marchese di Algecilla, marchese di Almenara, marchese di Argüeso, marchese di Campoo, conte di Saldaña, conte del Real de Manzanares, conte di Mandayona, conte di Miedes, Grande di Spagna, Gran Giustizia del Regno di Napoli, rettore perpetuo di Simancas, Zurita e Tordesilla, cavaliere di Santiago, commendatore maggiore di Castilla, consigliere di stato e guerra, gentiluomo di camera del re Carlo II, Montero maggiore del re, capitano, ambasciatore straordinario a Parigi.
  1. Si sposò nel 1666 con María de Haro y Guzmán, figlia di Luis Méndez de Haro Guzmán, Sottomaggiore della Pace, VI marchese del Carpio, II conte di Morente, V conte e III duca di Olivares, II marchese di Eliche, I duca di Montoro, tre volte Grande di España, Commendatore maggiore dell'ordine di Álcantara, Gran Cancelliere delle Indie, Sindaco delle Alcázares di Siviglia e Cordoba, cavallerizzo maggiore, gentiluomo di camera e primo ministro di Filippo IV e suo gran privato, e di Catalina Fernández de Córdoba y Aragón, figlia minore di Enrico di Cordoba Cardona e Aragona, V duca di Segorbe, IV marchese di Comares, e della sua seconda moglie Catalina Fernández de Córdoba y Figueroa dei marchesi di Priego. Gli succedette suo figlio:
  • Juan de Dios de Silva y Mendoza, conte del Cid, X duca dell'Infantado, XI marchese di Santillana, VI duca di Pastrana, duca di Lerma, duca di Francavilla, VI duca di Estremera, VI duca di Cea, principe di Melito, principe di Éboli, marchese del Cenete, marchese di Algecilla, marchese di Almenara, marchese di Argüeso, marchese di Campoo, conte di Saldaña, conte del Real de Manzanares, conte di Mandajona, conte di Miedes, Grande di Spagna, Gran Giustizia del Regno di Napoli.
  1. Si sposò nel 1704 con la sua parente María Teresa de los Ríos Zapata y Guzmán, figlia di Francisco Diego Gutiérrez de los Ríos y Guzmán de los Ríos, III conte di Fernán Núñez, signore delle ville di Bencalez e la Morena, e di Catalina Zapata de Mendoza Silva, figlia di Antonio Zapata y Suárez de Mendoza, I marchese della Alameda, III conte di Barajas, VIII conte di La Coruña, e di Ana María de Silva y Guzmán, dei duchi di Pastrana.

Riabilitazione del titolo nel 1921 per:

  1. Si sposò nel 1894 con Isabel Falguera y Moreno, III contessa di Santiago, figlia unica di José Falguera y Lasa, II conte di Santiago, e di Elisa Moreno y Moscoso de Altamira, figlia del colonnello José Moreno y Sopranis e di Sofía Moscoso de Altamira y Taboada, II contessa di Fontao. Gli succedette, per cessione, nel 1928, suo figlio:
  • Jaime de Arteaga y Falguera (1908-1936), XVI conte del Cid. Celibe. Gli succedette suo fratello:
  • Íñigo de Loyola de Arteaga y Falguera (1905-1997), XVII conte del Cid, XIV duca di Francavilla (riabilitazione a suo favore nel 1921), XVIII duca dell'Infantado, XIII marchese di Ariza, XV marchese di Estepa, XIX marchese di Santillana, XIV marchese di Armunia, XVII marchese di Cea, X marchese di Monte de Vay, IX marchese di Valmediano, XIII marchese di Vivola, XIX conte del Real de Manzanares, XI conte di Santa Eufemia, XII conte di la Monclova, V conte del Serrallo, VI conte di Corres, XXI conte di Saldaña, IV conte di Santiago, XXI signore della Casa e del Palazzo di Lazcano.
  1. Si sposò nel 1939, a Fuenterrabía, con Ana Rosa Martín y Santiago-Concha.
  2. Si sposò con María Cristina de Salamanca y Caro, VI contessa di Zalzívar. Senza discendenza da questo matrimonio.

Gli succedette nel 1966 il figlio del primo matrimonio:

  • Carlos de Arteaga y Martín, XVIII conte del Cid, VI conte del Serrallo.

cui poi succedette:

NoteModifica

  1. ^ Elenco de Grandezas y Títulos Nobiliarios de España. Instituto "Salazar y Castro", C.S.I.C.
  2. ^ Juan Miguel Soler Salcedo, Nobleza española : grandeza inmemorial, 1520, Editorial Visión Libros, 2008, pagg. 181 sgg.
  3. ^ Elenco de nobleza española Archiviato il 26 marzo 2013 in Internet Archive. - lettera C

BibliografiaModifica

  • Juan Miguel Soler Salcedo, Nobleza española : grandeza inmemorial, 1520, Editorial Visión Libros, 2008, 520 pagine.

Voci correlateModifica