Coppa Intercontinentale 1999

edizione del torneo calcistico
Coppa Intercontinentale 1999
Toyota Cup 1999
Competizione Coppa Intercontinentale
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 38ª
Organizzatore UEFA e CONMEBOL
Date 30 novembre 1999
Luogo Tokyo, Giappone
Partecipanti 2
Impianto/i National Stadium
Risultati
Vincitore Manchester Utd
(1º titolo)
Statistiche
Miglior giocatore Galles Ryan Giggs
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1998 2000 Right arrow.svg

La Coppa Intercontinentale 1999 (denominata anche Toyota Cup 1999 per ragioni di sponsorizzazione) è stata la trentottesima edizione del trofeo riservato alle squadre vincitrici della UEFA Champions League e della Coppa Libertadores.

AvvenimentiModifica

Per la terza volta consecutiva una squadra brasiliana arriva in finale di Intercontinentale: questa volta tocca agli esordienti del Palmeiras, opposti agli inglesi del Manchester United, che tornano in finale dopo 31 anni dopo il successo ottenuto all'ultimo minuto contro il Bayern Monaco nella finale della Champions League.

L'allenatore dei Red Devils Ferguson sceglie di irrobustire il centrocampo schierando Butt dal primo minuto[1]. Dopo una prima mezz'ora di sostanziale equilibrio è la squadra inglese a passare in vantaggio grazie a un'incursione di un ispirato Giggs che salta Júnior Baiano in velocità e crossa al centro: il portiere Marcos manca il pallone, permettendo a Keane di appoggiare di piatto in gol a non più di un metro dalla porta.

La ripresa vede la compagine brasiliana cercare il pareggio, incappando però in una buona serata del portiere australiano Bosnich, bravo a respingere ogni tentativo di marcatura avversaria in particolare nel quarto d'ora finale della gara, quando prima Oséas poi Euller non riescono a trovare il pareggio.

Il Manchester United ottiene così il titolo di club campione del mondo, prima squadra inglese a vincere una Coppa Intercontinentale. Il gallese Giggs, autore dell'assist per la rete decisiva, sarà premiato a fine gara come miglior giocatore della manifestazione.

Nel 2017, la FIFA ha equiparato i titoli della Coppa del mondo per club e della Coppa Intercontinentale, riconoscendo a posteriori anche i vincitori dell'Intercontinentale come detentori del titolo ufficiale di "campione del mondo FIFA", inizialmente attribuito soltanto ai vincitori della Coppa del mondo per club.[2][3][4]

TabellinoModifica

Tokyo
30 novembre 1999, ore 19:15 UTC+9
Manchester United  1 – 0
referto
  PalmeirasStadio Nazionale di Tokyo (53.372 spett.)
Arbitro:   Hellmut Krug

Manchester United
Palmeiras
Manchester Utd
P 1   Mark Bosnich
D 2   Gary Neville
D 6   Jaap Stam
D 27   Mikaël Silvestre  
D 3   Denis Irwin
C 7   David Beckham
C 8   Nicky Butt
C 16   Roy Keane
C 18   Paul Scholes   75’
C 11   Ryan Giggs (C)
A 20   Ole Gunnar Solskjær   46’
Sostituzioni:
A 10   Teddy Sheringham   75’
A 19   Dwight Yorke   46’
Allenatore:
  Alex Ferguson
 
Palmeiras
P 1   Marcos (C)
D 2   Francisco Arce
D 3   Júnior Baiano
D 4   Roque Júnior
D 6   Júnior
C 5   César Sampaio
C 15   Galeano   54’
C 10   Alex  
C 11   Zinho
A 20   Faustino Asprilla   56’
A 7   Paulo Nunes   77’
Sostituzioni:
A 9   Oséas   56’
A 19   Euller   77’
A 17   Evair   54’
Allenatore:
  Luiz Felipe Scolari

VerdettiModifica

Miglior giocatoreModifica

Giocatore Squadra
    Ryan Giggs[5] Manchester Utd

NoteModifica

  1. ^ Carlo F. Chiesa, Regine del mondo - La storia della Coppa Intercontinentale, in Calcio 2000, nº 27, febbraio 1999, p. 78.
  2. ^ Cfr. (EN) FIFA Council approves key organisational elements of the FIFA World Cup, Fédération Internationale de Football Association, 27 ottobre 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.; (EN) FIFA Club World Cup 2017: Statistical Kit (PDF), Fédération Internationale de Football Association, pp. 15, 40-42. URL consultato il 16 gennaio 2018.; Mondiale per club: il Real cerca l'allungo, su it.uefa.com, 13 dicembre 2017.
  3. ^ Sebbene non promuova l'unificazione statistica dei tornei, la FIFA è l'unica organizzazione con giurisdizione mondiale al di sopra delle confederazioni continentali e quindi, l'unica che può conferire un titolo di tale livello, ergo, il titolo assegnato dalla stessa federazione mondiale ai vincitori della Coppa Intercontinentale è formalmente un titolo mondiale FIFA, cfr. (EN) Approval for Refereeing Assistance Programme and upper altitude limit for FIFA competitions, su fifa.com, 15 dicembre 2007.; (EN) FIFA, FIFA Statutes, April 2016 edition (PDF), su resources.fifa.com, aprile 2016, p. 19.
  4. ^ Cfr. (ES) FIFA acepta propuesta de CONMEBOL de reconocer títulos de copa intercontinental como mundiales de clubes, su conmebol.com, 29 ottobre 2017.; (ES) La FIFA reconoció de manera oficial a la Copa Intercontinental, su diariovivo.com, 27 ottobre 2017.; (ES) FIFA reconoce Intercontinentales como Mundiales, su espndeportes.espn.com, 27 ottobre 2017.
  5. ^ (EN) Toyota Cup - Most Valuable Player of the Match Award, rsssf.com

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio