Apri il menu principale
Chiesa cristiana a Rawalpindi.

Il Cristianesimo costituisce la più grande minoranza religiosa in Pakistan. Il numero totale dei cristiani pakistani secondo il censimento del 1998 è di 2.092.902 pari all'1,58%[1] dell'intera popolazione; di questi, circa la metà seguono il cattolicesimo e per il resto il protestantesimo[2]. Tra i personaggi conosciuti sono cristiani il giornalista della BBC Martin Bashir, il vescovo anglicano Michael Nazir-Ali e il musicista pakistano-statunitense Roger David, noto sotto il nome d'arte di Bohemia (musicista). La stato con il maggior numero di cristiani è lo stato del Punjab.

Indice

Statistiche per provinciaModifica

Provincia Cristiani (Censimento 1998)[3]
  Khyber Pakhtunkhwa 0.21% 36.668
Aree Tribali di Amministrazione Federale 0.07% 2.306
  Punjab 2.31% 1.699.843
Sindh 0.97% 294.885
  Belucistan 0.40% 26.462
  Islamabad Capital Territory 4.07% 32.738

Questioni comunitarieModifica

Negli anni '90 del XX secolo alcuni cristiani sono stati arrestati con l'accusa di blasfemia e per aver protestato in un modo che è apparso come un insulto all'Islam. Il vescovo cattolico di Faisalabad John Joseph si è suicidato nel 1998 in segno di protesta contro l'esecuzione capitale di un cristiano accusato di blasfemia[4][5].

Discriminazioni costituzionaliModifica

I cristiani, assieme ad altre minoranze non musulmane, sono discriminati nella carta costituzionale pakistana. I non-musulmani vengono esclusi dalla possibilità di diventare presidente[6] o primo ministro[7] dello stato; sono inoltre esclusi dall'esser giudici della corte federale, che ha il potere di cancellare qualunque legge ritenuta non conforme ai precetti islamici[8].

ConflittiModifica

A tutt'oggi i cristiani sono nel mirino dei "Tehrik-i-Taliban Pakistan (TTP, i talebani pakistani)" in ampie zone del paese[9][10][11].

NoteModifica

  1. ^ Country Profile: Pakistan (PDF), in Library of Congress Country Studies on Pakistan, Library of Congress, febbraio 2005. URL consultato il 19 febbraio 2013.
    «Religion: Approximately 1.6 percent of the population is Hindu, 1.6 percent is Christian, and 0.3 percent belongs to other religions, such as Bahaism and Sikhism.».
  2. ^ By Location, Adherents.com. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  3. ^ Population distribution by religion, 1998-Census (PDF), in Pakistan Statistical Year Book 2011, Pakistan Bureau of Statistics, 2011. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  4. ^ Blasphemy Law in Pakistan, su ahrchk.net.
  5. ^ Jones, Owen Bennett (2003). Pakistan: Eye of the Storm. New Haven, Connecticut: Yale University Press. p. 19. ISBN 0-300-10147-3.
  6. ^ The Constitution of Pakistan, Part III: Chapter 1: The President, Pakistani.org. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  7. ^ The Constitution of Pakistan, Notes for Part III, Chapter 3, Pakistani.org. URL consultato il 18 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2009).
  8. ^ The Constitution of Pakistan, Part VII: Chapter 3A: Federal Shariat Court, Pakistani.org. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  9. ^ After the Malala Yousafzai shooting, can shock therapy free Pakistan?, Ibnlive.in.com. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  10. ^ The Problem Of Pakistan, Ibtimes.com. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  11. ^ Pakistan should be on the genocide watch list: US think tank, Indiatoday.intoday.in, 26 settembre 2012. URL consultato il 18 febbraio 2013.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica