Apri il menu principale

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Al genere Cryptotis appartengono toporagni di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 50 e 102 mm, la lunghezza della coda tra 12 e 53 mm e un peso fino a 19 g.[1]

Caratteristiche craniche e dentarieModifica

Il cranio presenta un rostro relativamente lungo e sottile ed una scatola cranica rotonda. Le punte dei denti sono colorate di rosso e sono presenti quattro denti superiori unicuspidati, che decrescono progressivamente nelle dimensioni.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 2 1 3 3 1 2 3
3 1 1 1 1 1 1 3
Totale: 30
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

AspettoModifica

Il corpo è simile a quello dei comuni toporagni. La pelliccia è densa e può essere sia corta che lunga. Nei maschi di alcune specie è presente una zona priva di peli su ogni fianco dove è situata una massa ghiandolare. Il colore delle parti dorsali varia dal grigio chiaro al nero, mentre le parti ventrali sono generalmente più chiare. Il muso è lungo, appuntito e ricoperto di lunghe vibrisse, gli occhi sono piccoli. Le orecchie sono poco sviluppate, larghe e parzialmente nascoste nella pelliccia. Le zampe anteriori possono essere sia corte che notevolmente più larghe e lunghe, con le dita munite di artigli lunghi ed estremamente larghi, adattamento ad una vita semi-fossoria. I piedi sono ricoperti dorsalmente di scaglie più o meno visibili. La coda è lunga da un terzo a circa la metà della testa e del corpo, è di un colore uniforme e ricoperta di scaglie e piccoli peli sottili.

DistribuzioneModifica

Il genere è diffuso nel continente americano, dagli Stati Uniti d'America orientali attraverso tutta l'America centrale fino alla Colombia, il Venezuela occidentale, l'Ecuador e il Perù settentrionale.

TassonomiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Gardner, 2008.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Cryptotis, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

BibliografiaModifica

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898
  • Alfred L. Gardner, Mammals of South America, Volume 1: Marsupials, Xenarthrans, Shrews, and Bats, University Of Chicago Press, 2008. ISBN 9780226282404

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi