Apri il menu principale

In araldica il delfino, storicamente considerato il più nobile dei pesci (sebbene in realtà l'animale sia un mammifero), simboleggia la vittoria navale, la fedeltà, la protezione disinteressata, il principe clemente e vigilante.[1]

Il signore della provincia del Delfinato, nel IX secolo, prese il titolo di Delfino e questo, nel 1349 fu concesso al figlio primogenito del Re di Francia.

Indice

Posizione araldica ordinariaModifica

Il delfino si rappresenta, di norma, posto in fascia e questa posizione non si blasona. Nell'araldica francese, invece, la posizione ordinaria del delfino è in palo e leggermente incurvato.

Attributi araldiciModifica

  • Allumato o Illuminato quando sono di smalto diverso gli occhi
  • Accollato o attorcigliato all'ancora
  • Barbato quando ha le barbette di smalto diverso
  • Boccheggiante o spasimante o spirante se ha la bocca aperta, quasi fosse morente
  • Caricato se è in fascia, curvo e con la concavità verso la punta
  • Caudato se ha la coda di altro smalto
  • Coronato quando ha la corona
  • Crestato se di smalto diverso è la cresta
  • Natante se è ondeggiante e solleva la coda verso il capo dello scudo (anche eventualmente col corpo a spirale)
  • Orecchiuto quando sono di smalto diverso le orecchie

NoteModifica

  1. ^ Ginanni, p. 71

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica