Apri il menu principale

Discussione:Nazario Sauro

Discussioni attive
Crystal Clear app ksirtet.pngQuesta voce rientra tra gli argomenti trattati dal progetto tematico sottoindicato.
Puoi consultare le discussioni in corso, aprirne una nuova o segnalarne una avviata qui.
Crystal Clear app Login Manager.svgBiografie
Monitoraggio fatto.svgLa voce è stata monitorata per definirne lo stato e aiutarne lo sviluppo.
Ha ottenuto una valutazione di livello minimo (febbraio 2015).
CSeri problemi relativi all'accuratezza dei contenuti. Importanti aspetti del tema non sono trattati o solo superficialmente. Altri aspetti non sono direttamente attinenti. Alcune informazioni importanti risultano controverse. Potrebbero essere presenti uno o più avvisi. (che significa?)
CSeri problemi di scrittura. Linguaggio comprensibile, ma con stile poco scorrevole. Strutturazione in paragrafi carente. (che significa?)
DGravi problemi relativi alla verificabilità della voce. Molti aspetti del tema sono completamente privi di fonti attendibili a supporto. Presenza o necessità del template {{F}}. (che significa?)
BLievi problemi relativi alla dotazione di immagini e altri supporti grafici nella voce. Mancano alcuni file o altri sono inadeguati. (che significa?)
Note: La voce è pesantemente viziata da un bias (ovvero, che la I Guerra Mondiale sia la naturale conseguenza e conclusione del Risorgimento), e di conseguenza tutta l’esposizione prende i connotati di una pomposa retorica patriottarda. In pratica la persona biografata diventa un mero tramite per rivendicazioni nazionalistiche fuori tempo massimo, invece di essere l’oggetto della voce.
Monitoraggio effettuato nel febbraio 2015
Archivio
Archivio vecchie discussioni


Sposto qui citazioniModifica

in attesa di migliore contestualizzazione

«Caro Nino, tu forse comprendi od altrimenti comprenderai fra qualche anno quale era il mio dovere d'italiano. Diedi a te, a Libero ad Anita a Italo ad Albania nomi di libertà, ma non solo sulla carta; questi nomi avevano bisogno del suggello ed il mio giuramento l'ho mantenuto. Io muoio col solo dispiacere di privare i miei carissimi e buonissimi figli del loro amato padre, ma vi viene in aiuto la Patria che è il plurale di padre, e su questa patria, giura o Nino, e farai giurare ai tuoi fratelli quando avranno l'età per ben comprendere, che sarete sempre, ovunque e prima di tutto italiani! I miei baci e la mia benedizione. Papà. Dà un bacio a mia mamma che è quella che più di tutti soffrirà per me, amate vostra madre! e porta il mio saluto a mio padre.»

(Nazario Sauro, Venezia, 20 maggio 1915 - Lettera testamento ai figli)

«Cara Nina, non posso che chiederti perdono per averti lasciato con i nostri cinque bimbi ancora col latte sulle labbra; e so quanto dovrai lottare e patire per portarli e lasciarli sulla buona strada, che li farà proseguire su quella di suo padre: ma non mi resta a dir altro, che io muoio contento di aver fatto soltanto il mio dovere d’italiano. Siate pur felici, che la mia felicità è soltanto quella che gli italiani hanno saputo e voluto fare il loro dovere. Cara consorte, insegna ai nostri figli che suo padre fu prima italiano, poi padre e poi uomo. Nazario.»

(Nazario Sauro, Venezia, 20 maggio 1915 - Lettera testamento alla moglie Nina[1])

--ЯiottosФ 18:46, 7 mar 2015 (CET)

  1. ^ Le due lettere sono conservate presso il Museo centrale del Risorgimento a Roma dove quella indirizzata al figlio Nino è incisa in una grande lastra lapidea murata nel salone dedicato alla prima guerra mondiale.
Ritorna alla pagina "Nazario Sauro".