El Camborio

ballerino e coreografo italiano

Elvezio Brancaleoni Cavallaro, noto come El Camborio o José el Camborio (Giacciano con Baruchella, 3 marzo 1939Madrid, 16 aprile 2009), è stato un ballerino e coreografo italiano.

BiografiaModifica

Nato a Giacciano con Baruchella, in provincia di Rovigo (Veneto), il 3 marzo 1939, si trasferì ancora giovanissimo a Bolzano dove iniziò a studiare danza.[1]

Ammesso alla scuola di danza del Teatro alla Scala di Milano, dopo un apprendistato di sei anni divenne ballerino di fila. Appassionatosi al flamenco dopo aver visto uno spettacolo della compagnia spagnola di Pilar Lopez, nel 1960 partì per la Spagna in compagnia di un amico, iniziando a studiare il flamenco presso il maestro Antonio Masin. Trasferirsi definitivamente in Spagna poco tempo dopo riuscì ad entrare nella compagnia di Pilar Lopez. Assunto il nome d'arte di Josè El Camborio[2] esordì a Madrid nel tempio del flamenco, il Corral de la Moreira, riscuotendo un discreto successo.

Sposatosi con la ballerina Lucía del Real,[3] con la quale fondò il Ballet Español de Lucía Real y El Camborio, collaborò anche con Franco Zeffirelli per le coreografie e le danze della Carmen all'Arena di Verona, oltre che nel film Callas Forever dello stesso regista.[4] Ammalatosi gravemente alla fine del 1996 dovette rinunciare a ballare, dedicandosi all'attività di coreografo a tempo pieno. Morì a Madrid il 16 aprile 2009, e le sue ceneri vennero tumulate nel cimitero di Baruchella[5] il 27 settembre dello stesso anno. L'amministrazione del comune polesano gli ha dedicato una piazza.

NoteModifica

  1. ^ Decise di studiare danza dopo aver visto uno spettacolo della compagnia di Lalla Giovanardi al Teatro Minerva di Bolzano.
  2. ^ Il nome, derivato da una poesia di Federico García Lorca, fu scelto dal maestro Masin in accordo con Pilar Lopez.
  3. ^ Nata a Madrid, dove si diplomò con lode al locale conservatorio di musica, all'età di quindici anni, ed entrò nella celebre compagnia di danza di Antonio Ruiz Soler. Successivamente divenne prima ballerina presso la compagnia di danza di Rafael de Córdoba.
  4. ^ Il nome El Camborio figura come coreografo nel cast del sito ufficiale del film.
  5. ^ Nella tomba contenente la salma del nonno Francesco.

BibliografiaModifica

  • Paola Tognon, Vita di Elvezio Brancaleoni in arte El Camborio, ISBN 88-8215-561-7, 2003, Silvana Editoriale.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN50287189 · ISNI (EN0000 0000 4935 9525 · LCCN (ENn2004102570 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004102570
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie