Eleganza

Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Elegante" rimanda qui. Se stai cercando il singolo di DrefGold, vedi Elegante (singolo).

L'eleganza è la qualità propria di qualcuno o qualcosa che mostra al contempo grazia, semplicità e buon gusto.[1][2] L'eleganza è un concetto comune nella moda, nell'arte e nella letteratura, ma anche in filosofia e nelle scienze.

L'eleganza dell'Epoque di Frédéric Soulacroix

Nella modaModifica

Il concetto di eleganza nella moda è spesso associato al moderno gusto per la sottrazione e l'understatement che la società capitalistica ha sviluppato per trasmettere un senso di status. A differenza di concetti correlati, come ad esempio quello di glamour, l'eleganza è una pratica unisex, e venne inizialmente sviluppata tra le classi dirigenti maschili dopo la rivoluzione francese. Dal XX secolo in poi, l'eleganza venne poi adottata nell'abbigliamento femminile. Questo approccio all'abbigliamento basato sulla sottrazione e sull'understatement è perseguito dalle classi superiori per evitare di scadere nella volgarità e di decadere a uno status sociale inferiore. Nella moda, sono numerosi gli elementi che identificano ciò che è da considerarsi elegante, ovvero la classe, il genere, la moralità, e il gusto.[3]

Nel designModifica

Nel design, l'utilizzo di un numero limitato di colori ed elementi che pongono l'accento sul resto è considerato una forma di eleganza.[4]

Nella filosofia della scienzaModifica

Nella filosofia della scienza esistono due concetti inerenti a due distinti aspetti della semplicità: l'eleganza (semplicità sintattica), che indica il numero e la complessità delle ipotesi, e la parsimonia (semplicità ontologica), che allude invece al numero e la complessità delle cose postulate.[5]

In matematicaModifica

 
Dimostrazione elegante del teorema di Pitagora
  Lo stesso argomento in dettaglio: Bellezza matematica.

Quando un matematico prova piacere estetico nella sua professione si parla di bellezza matematica. Nella risoluzione di problemi matematici, la soluzione di un problema (come una dimostrazione di un teorema matematico) denota eleganza matematica se è semplice e perspicace, ma anche efficace e costruttiva. Tali soluzioni possono comportare una quantità minima di ipotesi e calcoli, delineando un approccio altamente generalizzabile. Allo stesso modo, un programma per computer o un algoritmo è ritenuto elegante se utilizza una piccola quantità di codici con grande efficacia.[6][7][8]

In ingegneriaModifica

In ingegneria, una soluzione può essere considerata elegante se utilizza un metodo non ovvio per arrivare a una soluzione molto semplice ed efficace. Una soluzione elegante può risolvere più problemi contemporaneamente, come ad esempio problemi che non si ritiene siano correlati tra loro.[9] L'eleganza può probabilmente essere misurata per i problemi di ingegneria come il rapporto tra la complessità del problema e quella della complessità della soluzione.[10] Pertanto, una soluzione semplice (di bassa complessità) a un problema di elevata complessità è ritenuta elegante. Questa misura non consiglia il processo per produrre soluzioni eleganti ed è semplicemente un modo per confrontare più soluzioni per la valutazione dell'eleganza.

NoteModifica

  1. ^ (EN) ELEGANCE, su merriam-webster.com. URL consultato il 23 maggio 2022.
  2. ^ (EN) elegante, su treccani.it. URL consultato il 23 maggio 2022.
  3. ^ (EN) The Silence of Garments: Modernity and the conquest of elegance, su aisthema.eu. URL consultato il 23 maggio 2022.
  4. ^ (EN) The Elements of Elegance: What Makes Design 'Sophisticated'?, su mashable.com. URL consultato il 23 maggio 2022.
  5. ^ (EN) Stanford Encyclopedia of Philosophy entry, su plato.stanford.edu. URL consultato il 23 maggio 2022.
  6. ^ (EN) ITLOG Import: Elegance, su sob.apotheon.org. URL consultato il 23 maggio 2022 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2020).
  7. ^ (EN) Elegance, su joelonsoftware.com. URL consultato il 23 maggio 2022.
  8. ^ La matematica è elegante come l'arte, su ilgiornale.it. URL consultato il 23 maggio 2022.
  9. ^ (EN) Ingenious simplicity, su nzeldes.com. URL consultato il 23 maggio 2022.
  10. ^ (EN) Mahmoud Efatmaneshnik, Mike Ryan, On the Definitions of Sufficiency and Elegance in Systems Design, in IEEE Systems Journal, 2019.

BibliografiaModifica

  • (EN) Philip Ball, Elegant Solutions: Ten Beautiful Experiments in Chemistry, Royal Society of Chemistry, 2005.
  • (EN) Elegant Pharmaceutical Preparations, Compressed Hypodermic Tablets, Compressed Powder (or Pills, ) and Medicinal Fluid Extracts, Fb&c Limited, 2017.
  • (EN) Alberta Marzotto, Le regole dell'eleganza (XS Mondadori), Mondadori, 2012.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE7564301-7 · BNF (FRcb120681315 (data)