Elezioni generali in Nuova Zelanda del 2017

Elezioni generali in Nuova Zelanda del 2017
Stato Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Data
23 settembre
Assemblea Camera dei rappresentanti
Affluenza 79,8% (Aumento1,90%)
Bill English July 2017.jpg
Jacinda Ardern 2020.jpg
Winston Peters - 2017 (38351102806) (cropped).jpg
Leader
Liste
Voti
1.152.075
44,45%
956.184
36,89%
186.706
7,20%
Seggi
56 / 120
46 / 120
9 / 120
Distribuzione del voto per circoscrizione
New Zealand 2017 Election Results Map - Results By Electorate, Māori Electorate, and Additional Member Seats.svg
Primo ministro
Jacinda Ardern
Left arrow.svg 2014 2020 Right arrow.svg

Le elezioni generali in Nuova Zelanda del 2017 si tennero il 23 settembre per il rinnovo della Camera dei rappresentanti.

Il Partito Nazionale della Nuova Zelanda, guidato dal primo ministro uscente Bill English, si confermò come prima forza politica, ma non ottenne la maggioranza assoluta dei seggi; il Partito Laburista, giunto al secondo posto, riuscì invece a concludere un accordo con New Zealand First e col Partito Verde dando vita ad un governo di coalizione guidato da Jacinda Ardern, di estrazione laburista[1].

RisultatiModifica

Liste Nazionale Circoscrizionale Totale
seggi
Voti % Seggi Voti % Seggi
1 152 075 44,45 15 1 114 367 44,05 41 56
956 184 36,89 17 958 155 37,88 29 46
186 706 7,20 9 137 816 5,45 - 9
162 443 6,27 8 174 725 6,91 - 8
The Opportunities Party
63 261 2,44 - 26 034 1,03 - -
30 580 1,18 - 53 247 2,11 - -
13 075 0,50 - 25 471 1,01 1 1
Aotearoa Legalise Cannabis Party
8 075 0,31 - 4 144 0,16 - -
6 253 0,24 - 6 115 0,24 - -
Mana Movement
3 642 0,14 - 8 196 0,32 - -
Ban 1080 Party
3 005 0,12 - 3 003 0,12 - -
Altri <0,10%
6 597 0,25 - 18 258 0,72 - -
Totale
2 591 896
100
49
2 529 531
100
71
120

NoteModifica

  1. ^ Jacinda Ardern sarà la nuova prima ministra neozelandese, il Post, 19 ottobre 2017. URL consultato il 19 ottobre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Risultati, su archive.electionresults.govt.nz. URL consultato il 19 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2020).
  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica