Apri il menu principale
Vista di un enfilade nel castello di Vendeuvre.
Esempi di enfilade visti in pianta.

In architettura, un'enfilade (o anche "infilata di stanze") è una serie di stanze formalmente allineate l'una dopo l'altra. Questo modo di progettare era comunemente usato nella grande architettura europea dal periodo barocco in poi, ma non mancano esempi precedenti, come per esempio le Stanze di Raffaello. Le porte di ciascuna stanza sono allineate le une con le altre lungo un unico asse; questo consente di percepire con un unico sguardo l'intera infilata di stanze. L'enfilade potrebbe essere usato come un percorso processionale ed è una soluzione comunemente adottata nei musei e nelle gallerie, in quanto facilita il passaggio di un gran numero di persone attraverso l'edificio.

Nell'enfilade è possibile riconoscere l'antenato del corridoio moderno[1]:

«L'enfilade era stato un corridoio implicito, ma ancora spurio. Fatto di varchi che si aprivano tutti dalla stessa parte e sullo stesso asse, era un percorso nella luce perché si srotolava di fronte ad alte finestre, ma appariva come una soluzione più ottico-manierista che altro, dato che non pretendeva di risolvere il tema della promiscuità»

(Manolo De Giorgi, Domus n 973[1])

EsempiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Manolo De Giorgi, Il corridoio, in Domus (Editoriale Domus), nº 973, pp. 18-22.

Altri progettiModifica

  Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura