Apri il menu principale
Enkomi
Έγκωμη
Three nude female figurines - Medelhavsmuseet - NM Ant 1740.JPG
Tre statuette di nudo femminile ritrovate durante gli scavi a Enkomi.
UtilizzoCittà
EpocaXVI-XII secolo a.C.
Localizzazione
StatoCipro Cipro
LocalitàFamagosta
Altitudine12 m s.l.m.
Scavi
Data scoperta1870
Date scavi1896 (Alexander Stuart Murray)
1913 (John Myers-Menelaos Markides)
1932-1935 (Claude Frédéric-Armand Shaeffer)
1946-1950
1948-1958 (Porphyrios Dikaios)
ArcheologoAlexander Stuart Murray
John Myers-Menelaos Markides
Claude Frédéric-Armand Shaeffer
Porphyrios Dikaios
Mappa di localizzazione

Coordinate: 35°09′43.22″N 33°52′59.46″E / 35.162006°N 33.883184°E35.162006; 33.883184

Mappa di localizzazione: Cipro
Enkomi
Enkomi
Localizzazione di Enkomi sull'isola di Cipro.

Enkomi (in greco Έγκωμη) è un sito archeologico dell'età del bronzo nell'isola di Cipro. Si trova presso la città di Famagusta, nella parte nord-occidentale dell'isola.

L'insediamento nacque nella media età del bronzo presso un'insenatura della costa in seguito riempita da una pianura, sulla riva settentrionale del fiume Pedieos, allora navigabile. Dal XVI al XII secolo a.C. fu un importante centro per il commercio del rame, che veniva fuso nel luogo, con stretti legami culturali con Ugarit, situata sulla costa della Siria. Fu forse per un periodo la capitale dello stato di Alasiya o Alashiya, che doveva comprendere almeno una parte dell'isola di Cipro, menzionato in testi egizi, ittiti micenei (in lineare B) e della stessa Ugarit.

StoriaModifica

La stratigrafia del sito, piuttosto complicata e disturbata, è stata suddivisa nelle pubblicazioni degli scavi (vedi bibliografia) in quattro fasi principali:

  • livello A: strato più antico, scarsamente conservato, direttamente sopra la roccia vergine;
  • livello I, dell'inizio della tarda età del bronzo, con fortificazioni che furono distrutte in due occasioni;
  • livello II, con molte suddivisioni, che copre l'articolata espansione dell'insediamento nel XIV e XIII secolo a.C., terminata con una massiccia distruzione intorno al 1220 a.C.;
  • livello III, di cultura micenea, con tre sottofasi:
    • III A e III B, con una città costruita con strade ad angolo retto e una piazza centrale pavimentata in pietra; sulla via principale nord-sud si apriva un palazzo e tre santuari e la città aveva dodici officine specializzate nella lavorazione del rame. Era fortificata con un muro in blocchi di pietra su un perimetro di circa 400 m[1]. La città venne distrutta intorno al 1125 a.C., probabilmente dai Popoli del Mare;
    • III C, fase micenea finale con numero di abitanti in diminuzione. Dopo un terremoto a metà dell'XI secolo a.C. il sito fu definitivamente abbandonato.

Dal XIII secolo a.C. altre città sulla costa meridionale di Cipro competevano con Enkomi. Il suo definitivo abbandono diede luogo allo sviluppo della città di Salamina.

ScaviModifica

Il sito fu scoperto nel 1870 dai fratelli Luigi e Alessandro Palma di Cesnola. Dopo circa un decennio di saccheggi, dovuti all'alta qualità dei corredi funebri nelle tombe, il sito venne scavato da a partire dal 1896 dall'archeologo inglese Alexander Stuart Murray, curatore delle antichità greche e romane del British Museum. Gli scavi di Murray furono parte della spedizione "Turner Bequest" a Cipro del 1893-1896. I ritrovamenti sono attualmente conservati nel British Museum e comprendono i corredi funebri delle circa 100 tombe scavate, gli oggetti rinvenuti in superficie nell'area dell'abitato e reperti in bronzo dall'area delle fonderie, oltre a materiale di epoca successiva dallo stesso sito o dalle sue immediate vicinanze[2].

Gli scavi furono ripresi nel 1913 da John Myers e Menelaos Markides del Cyprus Museum, negli anni trenta dalla Swedish Cyprus Expedition, nel 1932-1935 e ancora nel 1946-1950 da Claude Frédéric-Armand Shaeffer ("Académie des Inscriptions et Belles-Lettres") e nel decennio tra il 1948 e il 1958, dal cipriota Porphyrios Dikaios, del locale dipartimento di antichità.

RitrovamentiModifica

Di particolare interesse una statuetta in bronzo di un dio con copricapo cornuto, rinvenuta in uno dei santuari cittadini. La divinità è stata ipoteticamente identificata con l'Apollo Alasiota (menzionato ancora in un'iscrizione del IV secolo a.C.), un probabile dio di origine siriaca, identificato dai greci con Apollo: l'abbigliamento e il copricapo sono di tipo asiatico, mentre lo stile mostra influssi micenei[3].

Un altro bronzetto di un dio poggiato su una base a forma di lingotto, ritrovato in un altro santuario, doveva rappresentare la divinità protettrice delle miniere di rame.

Da Enkomi proviene inoltre una coppa in argento con decorazione di bucrani e fiori di loto e con un manico d'osso incrostato d'oro, datata intorno al 1400 a.C. e conservata al Cyprus Museum di Nicosia.[4].

La produzione di ceramica micenea, influenzata inizialmente da prodotti importati dall'Argolide e da Rodi, si sviluppò quindi localmente con prodotti detti "cipro-micenei" (in particolari grandi crateri) con figure di grandi dimensioni, forse tratte dalla pittura parietale, ma riproposte in modo schematico[3].

Sono di particolare importanza anche le tavolette di argilla iscritte con l'alfabeto sillabico cipro-minoico[1].

Galleria d'immaginiModifica

Reperti archeologici di Enkomi

NoteModifica

  1. ^ a b Storia di Enkomi Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive. sul sito del comune di Famagusta.
  2. ^ Ancient Cyprus in the British Museum sul sito del British Museum ((EN) ).
  3. ^ a b Pierre Demargne, Naissance de l'art grec, Librairie Gallimard, Paris 1964 (edizione italiana con titolo Arte egea, Rizzoli, 1978, pp.253-254.
  4. ^ La coppa in argento venne pubblicata in Schaeffer 1952 (vedi bibliografia), pp.379-389, figure 116-122, tavola CXVI. La tecnica a niello è descritta in dettaglio da Herbert Maryon, Metalwork and enamelling, quinta edizione, Dover, New York, 1971, p.161 (ma vedi anche Harold J. Plenderleith, "The Enkomi Silver Cup", in Nature, 187 (1052), 1960 (riassunto on-line) e lettera di risposta di G.F. Claringbull e di A.A. Moss, con relativa bibliografia.

BibliografiaModifica

  • Alexander Stuart Murray, "Excavations at Enkomi", in Alexander Stuart Murray, A. H. Smith, H. B. Walters (a cura di), Excavations in Cyprus, British Museum, Londra 1900.
  • Einar Gjerstad, The Swedish Cyprus Expedition I, Stoccolma 1934.
  • Claude Frédéric-Armand Shaeffer, Mission a Chypre, 1932-1935, Paris 1936.
  • Claude Frédéric-Armand Shaeffer, Enkomi-Alasia I. Nouvelles missions a Chypre, 1946-1950, Paris 1952.
  • Porphyrios Dikaios, Enkomi Excavations 1948-1958, I-III, Mainz 1969-1971.
  • J.C. Curtois, J. Lagarce, Enkomi et le Bronze Recent a Chypre, Nicosia 1986 ISBN 9963-560-02-4.
  • Lindy Crewe, Early Enkomi. Regionalism, trade and society at the beginning of the Late Bronze Age on Cyprus (British archeological reports. International Series), Londra 2007.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN238376223 · WorldCat Identities (EN238376223
  Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia