Enrico Misley

avvocato e patriota italiano

Enrico Misley (Modena, 1801Barcellona, 1863) è stato un avvocato e patriota italiano, coideatore, insieme a Ciro Menotti, dei moti del 1830-31 a Modena.

BiografiaModifica

Misley sviluppò la sua cultura rivoluzionaria in Francia, durante la Rivoluzione di luglio, nella quale si trovò a combattere contro le truppe di Luigi Filippo di Francia. Mantenne molti contatti con esuli francesi o inglesi negli anni seguenti, scambiando con essi una fitta corrispondenza.

Misley stipulò poi un accordo di non intervento in caso di insurrezione con Francesco IV di Modena, ma questi non lo rispettò. I moti del 1830-31 furono soffocati nel sangue.

Il fatto che, a differenza di Ciro Menotti, Misley sia sfuggito alla repressione, e non subì condanne lo rese sospetto di tradimento e fu accusato di doppio gioco, dubbi che rimasero anche dopo che il Misley tentò di giustificarsi nel libro L'Italie sous la domination autrichienne (Parigi 1832).[1]

A Misley è intitolata una via centrale di Modena.

NoteModifica

  1. ^ Il testo fu contestato a sua volta anche dall'austriacante Paride Zajotti [1]

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Enrico Misley, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

Controllo di autoritàVIAF (EN71504967 · ISNI (EN0000 0000 6138 7991 · SBN IT\ICCU\RAVV\081774 · LCCN (ENn88255747 · BNF (FRcb125443227 (data) · BNE (ESXX1368419 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88255747
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie