Apri il menu principale

Enunciato di Kelvin-Planck

Principi della termodinamica
Principio zero
Primo principio
Secondo principio (Enunciato di Kelvin · Enunciato di Clausius)
Terzo principio

L'enunciato di KelvinPlanck (o enunciato della macchina termica) del secondo principio della termodinamica afferma che sia impossibile costruire una macchina termica che, operando in un ciclo, abbia come unico risultato quello di assorbire energia sotto forma di calore da una singola sorgente e produrre una uguale quantità di lavoro.[1]

Questo implica che sia impossibile costruire una macchina termica che abbia un rendimento del 100%[2], e quindi l'inesistenza dei motori perfetti.[3]

È dimostrata l'equivalenza dei due enunciati principali del secondo principio della termodinamica, per cui la verità dell'enunciato di Kelvin-Planck implica la verità dell'enunciato di Clausius, e viceversa.

NoteModifica

  1. ^ Y. V. C. Rao, Chemical Engineering Thermodynamics, Universities Press, p. 158, ISBN 978-81-7371-048-3.
  2. ^ Hugh D. Young e Roger A. Freedman, University Physics, vol. 1, 12ª ed., Pearson Education, 2008, ISBN 978-0-321-50125-7.
  3. ^ Fondamenti di fisica, David Halliday, Jearl Walker, Robert Resnick, CEA, 2015, ISBN 8808182983, 9788808182982.

Voci correlateModifica