Evoluzione dei dinosauri

Evoluzione
CollapsedtreeLabels-simplified.svg
Meccanismi e processi

Adattamento
Deriva genetica
Equilibri punteggiati
Flusso genico
Mutazione
Radiazione adattativa
Selezione artificiale
Selezione ecologica
Selezione naturale
Selezione sessuale
Speciazione

Storia dell'evoluzionismo

Storia del pensiero evoluzionista
Lamarckismo
Charles Darwin
L'origine delle specie
Neodarwinismo
Saltazionismo
Antievoluzionismo

Campi della Biologia evolutiva

Biologia evolutiva dello sviluppo
Cladistica
Evoluzione della vita
Evoluzione molecolare
Evoluzione degli insetti
Evoluzione dei vertebrati
Evoluzione dei dinosauri
Evoluzione degli uccelli
Evoluzione dei mammiferi
Evoluzione dei cetacei
Evoluzione dei primati
Evoluzione umana
Filogenetica
Genetica delle popolazioni
Genetica ecologica
Medicina evoluzionistica
Genomica della conservazione

Portale Biologia · V · D · M 

I dinosauri si sono evoluti dai loro antenati arcosauri durante il Triassico medio e tardo, circa 20 milioni di anni dopo l'estinzione del Permiano-Triassico che ha spazzato via circa il 96% delle specie marine e il 70% delle specie di vertebrati terrestri circa 252 milioni di anni fa. Con tecniche di datazione radiometrica si è scoperto che il primo genere di dinosauro, l'eoraptor, risale a 231,4 milioni di anni fa.[1] Si pensa che l'eoraptor assomigli all'antenato comune di tutti i dinosauri; se questo è vero, i suoi tratti suggeriscono che i primi dinosauri fossero piccoli predatori bipedi.[2]

Evoluzione dei dinosauri

PaleobiogeografiaModifica

 
Il supercontinente Pangea nel primo Mesozoico (circa 200 milioni di anni fa)

L'evoluzione dei dinosauri dopo il Triassico ha seguito i cambiamenti della vegetazione e la deriva dei continenti. Nel tardo Triassico e nel primo Giurassico, i continenti erano collegati in un'unica massa continentale chiamata Pangea globalmente abitata principalmente da carnivori celofisioidi e primi erbivori sauropodomorfi.

NoteModifica