Ex badia di San Paolo di Razzuolo

Ex badia di San Paolo
San Paolo 03.jpg
StatoItalia Italia
RegioneToscana
ReligioneCattolica
TitolareSan Paolo
Consacrazione1035
Stile architettonicoromanico

Coordinate: 44°01′53.65″N 11°28′05.64″E / 44.031569°N 11.468232°E44.031569; 11.468232

L'ex badia di San Paolo di Razzuolo si trova nel comune di Borgo San Lorenzo.

Storia e descrizioneModifica

Nei primi anni del primo millennio san Giovanni Gualberto fondò numerosi edifici religiosi che ospitarono eremiti, tra questi il terzo da lui fondato fu il monastero con la chiesa di Razzuolo edificato tra il 1035 e il 1047 che ospitò il beato Teuzzone e i monaci dell'ordine vallombrosano[1]. La presenza di un gruppo monastico è confermata da due bolle papali del 1115 e del 1198. I monaci si dedicarono al lavoro dei campi nonché all'allevamento di ovini con produzione di formaggi, modificando l'economia del territorio, rendendo migliore la vita anche ai nativi.[2]

La chiesa fu abolita nel 1782 e poi radicalmente manomessa. La chiesa è ricordata per una Immagine del Santissimo Crocifisso, risalente all'epoca del fondatore. Della chiesa, tagliata dal passaggio della via Faentina, resta la parte centrale, anche se invertita nell'orientamento, come si può vedere dal bel portale in pietra, oggi dietro l'altare.

NoteModifica

  1. ^ Domenico Moreni, Bibliografia storico-ragionata della Toscana: o sia Catalogo degli scrittori che hanno illustrata la storia luoghi e persone, Reale accademia delle belle arti di Firenze, 1805. URL consultato il 28 maggio 2019.
  2. ^ Badia di San Paolo di Rozzuolo, Discover Mugello. URL consultato il 28 maggio 2019.

BibliografiaModifica

  • Gaspero Righini Mugello e Val di Sieve, note e memorie storico-artistico-letterarie, Firenze, Tipografia Pierazzi, 10 ottobre 1956
  • Marco Pinelli, Romanico in Mugello e in Val di Sieve, Empoli, Editori dell'Acero, 1994, pp. 247–251

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica