Apri il menu principale

Porta di San Giuseppe (Riva del Garda)

ex chiesa di Riva del Garda ora porta cittadina
Porta di San Giuseppe
Ex chiesa di San Giuseppe (Riva del Garda) 01.jpg
Porta di San Giuseppe, già chiesa di San Giuseppe
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
LocalitàRiva del Garda
Coordinate45°53′10.23″N 10°50′26.87″E / 45.886175°N 10.840798°E45.886175; 10.840798Coordinate: 45°53′10.23″N 10°50′26.87″E / 45.886175°N 10.840798°E45.886175; 10.840798
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVI secolo
Usonato come edificio religioso poi divenuto edificio civile usato come porta cittadina
Realizzazione
ProprietarioComune di Riva del Garda
CommittentePrincipato vescovile di Trento

La porta di San Giuseppe, ora passaggio stradale, è stata una delle prime chiese di Riva del Garda.

StoriaModifica

Nel centro storico di Riva del Garda esisteva sin dal XVI secolo la chiesa di San Giuseppe, o chiesa dei Disciplini.[1] Possedeva altari marmorei ed era adornata con dipinti attribuiti a Francesco Varotari. In tempi moderni è stata sventrata e trasformata in porta cittadina, ora ridotta a passaggio stradale.

 
Affresco attribuito a Bartolomeo Zeni

Rappresenta uno tra i più antichi edifici religiosi della città. La tradizione riporta il luogo come abitazione di un eremita già nel 1275. Venne ampliata attorno al 1579 e poi ancora nel XVI secolo. La facciata, visibile ancora oggi, ha forme classiche.

Nell'interno si possono ammirare colonne in marmo tipiche di una struttura religiosa e sulla volta del soffitto è presente un affresco attribuito a Bartolomeo Zeni, in cattive condizioni di conservazione. Storicamente la chiesa possedeva anche la sacrestia, e la sua pianta era a due navate.

Era nota come chiesa dei Disciplini, o dei Battuti, una congregazione laica che si dedicava ad opere si solidarietà che gestiva anche un vicino ospedale.[2]

SituazioneModifica

La chiesa è un passaggio pedonale nel centro storico e turistico di Riva del Garda, e vi si accede dall'incrocio tra via Armando Diaz, via Montanara, via Florida e via Disciplini. Il campanile, che è rimasto senza una chiesa, sorge ancora dove è stato eretto.[3]

NoteModifica

  1. ^ Gorfer1, p.231.
  2. ^ Comune.Riva.
  3. ^ Solo un campanile è lì a ricordare la chiesa che non c’è, in il Trentino, 9 dicembre 2015. URL consultato il 9 settembre 2019.

BibliografiaModifica

  • Aldo Gorfer, Le valli del Trentino-Trentino occidentale, Calliano (Trento), Manfrini, 1975, ISBN 978-88-7024-118-1.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica