Apri il menu principale
Ferdinand Antonín
conte di Bubna von Littitz
Ferdinand, Graf Bubna von Littitz.jpg
NascitaZámrsk, 26 novembre 1768
MorteMilano, 6 giugno 1825
Luogo di sepolturaCimitero di San Gregorio, Milano
poi Castello di Zámrsk
EtniaBoemo
Dati militari
Paese servitoImpero austriaco
Forza armataEsercito imperiale austriaco
Gradofeldmaresciallo
GuerreGuerre napoleoniche
Moti del 1820-1821
BattaglieBattaglia di Lipsia
Battaglia di Novara
Battaglia di Grenoble
voci di militari presenti su Wikipedia

Il conte Ferdinand Antonín von Bubna und Littitz, noto in Italia come Ferdinando Bubna, (Zámrsk, 26 novembre 1768Milano, 6 giugno 1825) è stato un militare boemo dell'Imperiale e regio esercito austriaco. Fu feldmaresciallo, governatore generale del Piemonte, Nizza e Savoia durante il dominio asburgico e dal 1818 comandante generale di Milano, carica che mantenne fino alla morte.

BiografiaModifica

 
La tomba del conte Bubna presso il demolito cimitero di San Gregorio a Milano.

Di nobile famiglia boema. Morì improvvisamente a Milano la sera del 6 giugno 1825 dopo una breve malattia.[1] Dopo solenni esequie militari venne sepolto in un imponente monumento al cimitero di San Gregorio[2] fuori da Porta Venezia, dismesso alla fine dell'Ottocento. Alla demolizione del cimitero le sue spoglie furono, secondo il desiderio della famiglia, inviate in Boemia[3] dove oggi riposano nel castello di Zámrsk.

Onorificenze e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Tamburini e Valdoni, p. 115.
  2. ^ R. Barbiera, Figure e figurine del secolo XIX, Quinto migliaio, Milano, Fratelli Treves Editori, 1908, p. 106. Ospitato su archive.org.
    «Il conte Bubna; la cui gigantesca tomba di grigio granito col solo nome slavo Bubna, scolpito a enormi lettere, stette solitaria sino a qualche anno fa, nello squallido e ora distrutto cimitero di San Gregorio di Milano, ad attestare la potenza della spada, che per tanti anni gravò sulla terra lombarda.».
  3. ^ Gianetti, p. 19.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN20552781 · ISNI (EN0000 0000 5424 8694 · LCCN (ENno2007115196 · GND (DE122032330 · CERL cnp00567585 · WorldCat Identities (ENno2007-115196