Fortino di Mazzallakkar

Fortino di Mazzallakkar
Fortino di Mazzallakkar.jpg
Fortino di Mazzallakkar
Stato attualeItalia
RegioneSicilia
CittàSciacca
Coordinate37°37′47.31″N 13°04′31.14″E / 37.629808°N 13.075317°E37.629808; 13.075317
Mappa di localizzazione: Sicilia isola
Fortino di Mazzallakkar
Informazioni generali
TipoFortino
Inizio costruzione830 circa
CostruttoreArabi
Informazioni militari
Funzione strategicaProtezione del territorio
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

A ridosso delle acque del lago Arancio, nel territorio di Sciacca[1], si possono individuare i ruderi di un fortino costruito dagli Arabi[senza fonte] e chiamato Fortino di Mazzallakkar.

Esso si trova nella zona dei Mulini, chiamata così per la presenza di diversi mulini funzionanti grazie alle acque di Rincione, tra la collina Castellazzo e la Torre Cellaro che si estende nella parte bassa del territorio di Sambuca di Sicilia.

StoriaModifica

La sua costruzione fu realizzata nello stesso periodo in cui gli Arabi stavano fondando Zabut (Sambuca) e cioè successivo all'830. Probabilmente si trattava di un avamposto per difendere il territorio attorno al castello di Zabut.

Fino agli anni cinquanta, anche se adibito al ricovero di greggi e armenti, il fortino si trovava in ottime condizioni. In seguito alla costruzione della diga Carboj resta sommerso parzialmente dalle acque del lago Arancio per almeno sei mesi all'anno.[2]

CaratteristicheModifica

Il fortino ha una forma quadrangolare; in ogni angolo si eleva un torrione di forma circolare, coperto da una cupoletta in pietra calcarea con un ornato cuspidale che forse fu a forma di fiamma o di mezza luna.[3]

I torrioni sono dotati di feritoie e l'altezza delle mura raggiunge circa 4 metri.

 
I ruderi di Mazzallakkar a ridosso del lago Arancio; sullo sfondo, il centro abitato di Sambuca di Sicilia e monte Genuardo (foto di Ennio Gurrera)

Le escursioni termiche e le depressioni idro-geologiche stanno distruggendo irrimediabilmente questo capolavoro storico e architettonico, unico in tutta la Sicilia.[4]

NoteModifica

  1. ^ Posizione territorio di Sciacca, su umap.geonue.com.
  2. ^ Il fortino di Mazzallakkar, su virtualsicily.it.
  3. ^ Mazzallakkar, la fortezza araba ritrovata | Palermoviva, su palermoviva.it, 15 luglio 2021. URL consultato il 22 luglio 2021.
  4. ^ Fortino di Mazzallakkar, su sicilie.it.

BibliografiaModifica

  • Schmidt A.M., La fortezza di Mazzallakkar - Bollettino d'Arte, 2: 32-39, Palermo, 1972

Altri progettiModifica